Edoardo Rixi/ “Draghi resti premier. Casini? Nome della sinistra, non nostro”

- Carmine Massimo Balsamo

Il leghista Edoardo Rixi a Oggi è un altro giorno: “In queste ore le forze politiche stanno creando le condizioni per raggiungere un accordo”

edoardo rixi
(Oggi è un altro giorno)

«Anche noi oggi votiamo scheda bianca per lasciare lo spazio per trovare delle intese, che vadano al di là del Centrodestra, partendo da una rosa di nomi, nella quale ci saranno molti nomi già usciti sui giorni e magari qualche novità»: così il leghista Edoardo Rixi ai microfoni di Oggi è un altro giorno.

La corsa al Quirinale è nel vivo e alle ore 16.30 ci sarà una conferenza stampa del Centrodestra per fare il punto della situazione sulle trattative, Edoardo Rixi ha confermato la presenza di una lista di nomi che verranno resi noti: «Verrà illustrato quello che si è raggiunto all’interno del Centrodestra. Domani si vedrà se si faranno una o due votazioni, potrebbero già uscire dei nomi importanti. In queste ore le forze politiche stanno creando le condizioni per andare già giovedì e venerdì a individuare il nuovo Presidente della Repubblica».

EDOARDO RIXI SULLA CORSA AL QUIRINALE

Nel corso dell’intervista rilasciata a Serena Bortone, Edoardo Rixi si è soffermato così sull’ipotesi Pier Ferdinando Casini: «Casini è un nome fatto dal Centrosinistra, prendendo un deputato eletto alle politiche nelle fila del Partito Democratico. Che poi abbia un passato nel Centrodestra è vero, persona assolutamente autorevole, ma in questa fase è stata espressione del Pd». La posizione della Lega sul futuro di Mario Draghi è chiara, il premier deve restare a Palazzo Chigi: «Noi facciamo una riflessione generale per il Paese, oggi togliere Draghi da Palazzo Chigi rischia di compromettere un fronte unitario che ha dato dimostrazione di tenere un momento pandemico. Nel mezzo della pandemia ci sarebbe una crisi di governo e sarebbe la cosa più rischiosa». Edoardo Rixi ha poi evidenziato: «Se sarà l’unica alternativa ci siamo, noi non abbiamo messo veti su nessuno. Noi rispettiamo tantissimo Draghi, siamo entrati in maggioranza per questo, con una figura diversa dalla sua sarebbe difficile creare un governo».







© RIPRODUZIONE RISERVATA