EDUCAZIONE/ Odissea in carcere, il bello “funziona” e cambia tutti

- Alfio Pennisi

Catania. Da numerosi anni un gruppetto di “ospiti” della casa circondariale si coinvolge in un laboratorio teatrale che porta in scena testi classici

odissea carcere catania pennisi1280
"Odissea" per i carcerati di Catania (Foto A. Pennisi)

Telemaco è dentro per spaccio; anche Ulisse, d’altronde, e buona parte dei Proci.

La maga Circe, laureata, colta, ha in carnet una lunga serie di reati finanziari.

C’è chi ha sulle spalle un ergastolo per omicidio e chi, come Penelope, ha truffato le vecchiette.

Antinoo, il capo dei Proci, è uno di rispetto; è bravo, ha imparato tra i primi la parte a memoria, e se la gode un sacco a impersonare un prepotente. 

Siamo in carcere – in Sicilia, a Catania – e siamo sul palcoscenico. Da numerosi anni, infatti, un gruppetto di “ospiti” della Casa Circondariale (cambiano ogni volta, o quasi) si coinvolge in un laboratorio teatrale che porta in scena testi di diverso impatto, alcuni ardui, altri più leggeri: I miserabili e Barabba, La giara e San Giovanni decollato, tanto per intendersi. Quest’anno il passo è stato coraggioso: l’Odissea, si sarà capito.

Non è solo roba di regista e di attori, ma l’esito di un grande lavoro solidale, che mette insieme istituzione, detenuti e volontari. Le musiche, ad esempio, le ha scelte un volontario che ne capisce. Il laboratorio di falegnameria ha forgiato le armi, incluso il famoso arco di Ulisse; il laboratorio di taglio e cucito – reparto femminile – prepara gli abiti di scena, la Mof (Manutenzione ordinaria fabbricati, curata da detenuti lavoratori alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria) si è messa sotto per montare palco e sipario. Alle scenografie pensa uno degli attori che ha particolare vena creativa: con pennarelli, cartone, taglierino e sparachiodi ha realizzato alberi, cespugli e i giganteschi oggetti della caverna di Polifemo.

Ma tutto questo gran lavoro non servirebbe a nulla, anzi, neanche ci sarebbe, se i primi a crederci non fossero Direzione e Polizia penitenziaria, che dispiegano ogni energia perché il laboratorio vada avanti e lo spettacolo ci sia. Il perché di questo grande impegno non è difficile da capire.

Sul valore redentivo del teatro in carcere hanno scritto in tanti, e ci sono esperienze – in questo ambito – che si sono guadagnate stima diffusa e riconoscimenti prestigiosi: la Compagnia della Fortezza, a Volterra, le Compagnie del Teatro Libero di Rebibbia: l’Odissea catanese – bisogna ammetterlo – non è a questo livello, non ancora, per lo meno; ma ciò nulla toglie al valore umano ed educativo della vicenda.

Che se è vero che l’educazione è il cammino verso la scoperta non solo delle cose ma del senso che esse hanno, è altrettanto vero che questo cammino può cominciare – per tutti, ma specialmente per queste vite per tanti versi “sbagliate” e indurite – solo per una passione che muove e commuove, e una passione si muove solo per u­na bellezza incontrata.

L’ultima replica dello spettacolo, quella che i detenuti realizzano di fronte ai loro familiari, lo dice con evidenza.

Per motivi di sicurezza, siamo nella sala colloqui: niente palcoscenico, niente sipario, scenografia ridotta all’osso. Ed anche la recitazione ogni tanto si inceppa: esibirsi di fronte agli occhi sgranati di madri, mariti, compagne, figli fa tremare la voce, anche a quel gradasso di Antinoo. 

Alla fine, più degli applausi, restano nella mente alcune parole.

Le prime sono quelle di chi ha dato voce a Polifemo: “Professore, e ora? Che facciamo? Sa, noi le prove del venerdì le aspettiamo tutta la settimana”.

Le seconde sono quelle di Telemaco, che spera di uscire a marzo: “Quando sono fuori, come faccio a continuare? Me lo presentate qualcuno che mi fa fare ancora teatro?”

Le ultime sono quelle della mamma di un attore, il più giovane del gruppo, all’indomani dello spettacolo. È una donna semplice ed una brava mamma, che si strugge per quel suo figlio che è dietro le sbarre e che “dentro è buono, ne sono sicura”. Quello che dice farebbe felice qualunque insegnante. “Sa, professore? Ieri sera, tornati a casa dopo lo spettacolo, con mio marito ci siamo messi al computer e siamo andati a cercare l’Odissea. Che cosa bella!”. Si ferma un po’, sovrappensiero, poi aggiunge: “Continuate, per favore. Le cose belle fanno nascere cose belle”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA