SCUOLA/ Docenti, l’arduo problema della “congettura sindacale debole”

- Luisa Ribolzi

Seconda puntata delle cronache marziane dal pianeta (italiano) della scuola. Il Miur ha coinvolto grandi matematici per affrontare il problema dei docenti. LUISA RIBOLZI

scuola_ministero_istruzione_miur_lapresse
La sede del ministero dell'Istruzione (LaPresse)

Una grande prova di serietà — La scuola secondaria di Arsago Seprio ha svolto un’indagine fra i propri docenti per accertarne le competenze linguistiche, indagine finalizzata all’introduzione del Clil (Content and Language Integrated Learning, apprendimento integrato di contenuti disciplinari in lingua straniera veicolare). Il professore José Maria Aranjuez y Segovia è risultato il più qualificato: pertanto l’insegnamento di lingua spagnola verrà, come da programma, tenuto in lingua inglese. 

L’educazione musicale in primo piano — La scuola media a indirizzo musicale (Smim) di Albese con Cassano ha impresso una svolta decisiva allo sviluppo dell’educazione musicale. Con il prossimo anno scolastico, la segreteria telefonica dell’istituto accompagnerà i tempi di attesa non più con l’esecuzione de “I pompieri di Viggiù” da parte del coro delle classi prime, ma con le “Variazioni canoniche sulla serie dell’op. 41 di Arnold Schoenberg” di Luigi Nono, eseguite dall’Experimentalstudio der Heinrich-Strobel Stiftung des SWF. Il Miur ha molto apprezzato l’iniziativa, suggerendo però alle scuole che intendessero seguire quest’ottimo esempio di utilizzare un’esecuzione italiana. A questo scopo sono stati avviati contatti con la Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” di Milano.

Finalmente attuato l’art. 33! Nel quadro dell’attuazione della parità fra scuole statali e non statali, il Miur ha disposto l’assoluto divieto per le scuole non statali sia di percepire rette dalle famiglie, sia di vendere servizi aggiuntivi. “La Chiesa Milanese però si è dimostrata come sempre sensibile alle esigenze delle scuole cattoliche — ha dichiarato in proposito suor Cherubina Serafini, coordinatrice delle scuole gestite da ordini religiosi —. A seguito di un accordo con l’Ufficio Scolastico Regionale, i bambini delle nostre scuole potranno chiedere l’elemosina all’uscita delle messe domenicali, a partire dai sette anni, cinque se accompagnati da un docente”.

Un conflitto di competenze? — Il professor Anacleto Sernagiotti, dirigente dell’istituto comprensivo di Capiago Intimiano, presso cui sono in servizio ausiliari addetti al mantenimento di un’adeguata igiene e ordine nelle aule scolastiche provenienti dalla scuole materne, primarie e secondarie di primo grado preesistenti (“bidelli”), si trova ad affrontare un problema non irrilevante, legato alla professionalità degli ausiliari medesimi. Un gruppo infatti ha nel proprio mansionario la pulizia dei pavimenti, un secondo gruppo la pulizia del piano dei banchi. La piccola Gessica Bartolozzi, indisposta, ha vomitato su una sedia, che a nessuno compete di pulire. Il professor Sernagiotti si è rivolto all’ispettorato del lavoro, segnalando che dato il caldo il problema ha una certa urgenza. La professoressa Antelope Nicastro, che si era offerta di pulire personalmente, è stata tacciata di comportamento anti-sindacale ed ha ritirato la propria disponibilità. 

Fuori la politica dalle aule scolastiche! — Il maestro elementare Padano Cisalpini, segretario della sezione della Lega di Bedero Valcuvia, ha iniziato una campagna di stampa per depoliticizzare i libri di testo (#viaipartitidailibri). “E’ inaccettabile — ha dichiarato il Cisalpini — che ai bambini in età di scuola primaria, e a volte anche più giovani, si faccia leggere un libro (Pinocchio, ndr) in cui si parla continuamente di “Grillo saggio”. Anche la formula dell’area del cerchio, raggio per raggio per 3,14, si presta a diffondere la convinzione dell’utilità di una specifica parte politica”.

Immediata reazione dei 5 Stelle — Cometa Satellite, segretaria dei Cinque Stelle del comune limitrofo di Masciago Primo e insegnante di educazione motoria nella locale scuola secondaria di primo grado, interviene nel dibattito innescato da Padano Cisalpini. “Non è neppure il caso di far notare al collega che il Grillo Saggio viene ucciso da Pinocchio con il lancio di un martello: mi unisco pertanto alla sua richiesta di espellere il libro dalla scuola primaria, ma a motivo dell suo contenuto di incitazione alla violenza. Quanto all’area del cerchio, deploriamo il tentativo di una parte della Lega di trasformarla in area del cerchio magico, seguiti in questo da altri partiti che non è il caso di nominare”.

Una sfida tutta italiana — L’Unione matematica internazionale, e l’Istituto matematico Clay, che hanno prodotto nel 2000 (anno internazionale della matematica) due liste di problemi insoluti della matematica, hanno deciso di aggiungere alla lista la “congettura sindacale debole”, che richiede di individuare quanti siano effettivamente gli insegnanti necessari alla scuola italiana, risolvendo così in modo definitivo il problema dei precari. Il matematico russo Grigorij Perelman, che pur avendo risolto la congettura di Poincaré ha rifiutato sia il premio di un milione di dollari istituito dalla Fondazione Clay, sia la medaglia Fields per la matematica, raggiunto alla periferia di San Pietroburgo dove vive con la madre, ha dichiarato che la congettura sindacale debole è a suo parere irrisolvibile. Harald Helfgott, matematico peruviano che nel 2013 ha dichiarato di aver dimostrato la Congettura debole di Goldbach, si è dichiarato d’accordo con il collega, aggiungendo però che a suo parere si può fare riferimento al “teorema dei numeri lievemente abbondanti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori