ELEZIONI COMUNALI 2011/ Gubbio: voto posticipato per la Corsa dei Ceri

- La Redazione

Elezioni comunali 2011 Gubbio: voto posticipato per la Corsa dei Ceri. La richiesta di posticipare le elezioni comunali 2011 a Gubbio è arrivata da parte di politici locali e nazionali

scheder400
Il nuovo consiglio comunale (Ansa)

Elezioni comunali 2011 Gubbio: voto posticipato per la Corsa dei Ceri – Non si vota oggi e domani a Gubbio, città interessata dalle elezioni comunali 2011. Sulle ragioni della politica prevale la tradizione: infatti il 15 maggio si svolge a Gubbio, secondo una tradizione millenaria, la Corsa dei Ceri. Svolgere le votazioni proprio in questo giorno avrebbe creato non pochi problemi, dal momento che nessun’altra attività è contemplata e tollerata.
La richiesta di posticipare le elezioni comunali 2011 a Gubbio è arrivata da parte di politici locali e nazionali al ministro dell’Interno, che, insieme al prefetto e alle altre autorità competenti, ha deciso di accoglierla e spostare le elezioni al prossimo weekend, del 22 e 23 maggio 2011.
In Umbria, per questa tornata amministrativa, sono interessati 9 comuni , 6 in provincia di Perugia, 3 in quella di Terni.
La Corsa dei Ceri, causa dello spostamento delle elezioni comunali, ha una tradizione molto antica, e non è chiara la sua origine, due ipotesi vengono sostenute a riguardo: la prima, molto documentata, la considera una festa religiosa, legata alla devozione degli eugubini verso il loro Vescovo Ubaldo Baldassini, a partire dal maggio 1160, anno della sua morte.

Clicca qui per leggere tutti gli aggiornamenti delle elezioni amministrative 2011, comunali e provinciali
Clicca qui per leggere i dati sulle affluenze
Clicca qui per leggere tutti i commenti alle elezioni comunali 2011
Clicca qui per rimanere in contatto con IlSussidiario.net su FACEBOOK

Da allora, ogni 15 maggio, giorno della vigilia del lutto, viene fatta l’offerta devozionale al Santo Patrono e la Corsa dei Ceri rappresenta un ricordo della grande “Luminaria” di candelotti di cera, la processione mistica fatta nel giorno del lutto, che percorre le vie della città fino al Monte Ingino (dove dall’11 settembre 1194 riposa il corpo di S. Ubaldo nell’omonima Basilica).
La seconda ipotesi, che però ha meno testimonianze a proprio sostegno, legge in questa festa la rievocazione antichissima della festa pagana in onore di Cerere, dea delle messi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori