SCIENZA&LIBRI/ La trottola di Sofia. Sofia Kovalevskaja si racconta [Libri per Ragazzi]

- Raffaella Manara

Un testo per ragazzi illustra la vita di una giovane donna russa che nella seconda metà dell’Ottocento segue, contro ogni pregiudizio, la propria speciale inclinazione per la matematica.

Manara_Trottola_apertura_439x302_ok
Dalla Copertina del Libro

Bella e piacevole da leggere la biografia di Sofia (o Sonia) Kovalevskaja, il secondo personaggio femminile nella storia della matematica che la collana Donne nella scienza lodevolmente propone ai ragazzi.
E che personaggio! L’autrice tratteggia vivacemente la figura di una giovane donna dell’alta società russa della seconda metà dell’Ottocento, che crebbe in un ambiente culturalmente elevato – conobbe e incontrò anche Dostoievskij – ma in cui il pregiudizio verso la presenza femminile in campo scientifico era radicale. A quell’epoca, le donne non potevano accedere alle scuole e tanto meno all’università.
Sofia studiò e rivelò le sue doti eccezionali in matematica perché il padre poté fornire ai suoi figli una buona istruzione privata in casa. Tuttavia, a diciotto anni, quando avrebbe potuto frequentare l’università, la strada per lei era sbarrata. La giovane allora, insieme alla sorella e ad altre giovani amiche desiderose di superare le barriere presenti nella società russa, trovò la strada per venire a studiare in Europa. Sofia si sposò formalmente con un giovane avvocato russo, Vladimir Kovalevskij, e da donna maritata andò via da casa, decidendo di vivere a Heidelberg, dove la raggiunsero la sorella e le amiche. Ella venne così in contatto con la migliore matematica europea dell’epoca, e il suo talento fu riconosciuto e apprezzato.
Ma è a Berlino che Sofia vuole recarsi, per incontrare il grande matematico Weierstrass, che diventa il suo maestro. Nasce un sodalizio speciale tra un grande maestro e un’allieva dotatissima: l’autorevolezza di Weierstrass, che riconosce e valorizza le capacità di Sofia, le consente nel tempo di superare gli impedimenti che anche il mondo accademico tedesco presenta per le donne: Sofia diventa la prima donna professore universitario di matematica, ma non in Germania, bensì in Svezia, dove era stata accolta dal matematico Mittag-Leffer.
A Stoccolma, a quarantun anni, muore per una polmonite, chiudendo giovanissima una brillante produzione scientifica: aveva anche ricevuto un importante premio dell’Accademia di Scienze di Francia per il suo lavoro Sulla rotazione di un corpo solido attorno a un punto fisso, appunto la trottola di Sofia.
È evidentemente impossibile far comprendere dettagliatamente l’importanza del contributo di pensiero di un grande matematico a chi non dispone di un sufficiente bagaglio di linguaggio e di nozioni: le equazioni differenziali alle derivate parziali sono materia universitaria, non fanno parte di ciò che di matematica tutti devono – o dovrebbero – sapere.
Perciò anche questa biografia ha soprattutto carattere narrativo, tratteggiando una figura di donna interessante. Non solo Sofia ebbe uno spirito libero, che rifiutò pregiudizi e preconcetti, ma non era solo dedita alla matematica: fu anche ricca di interessi diversi, per esempio, era una valente scrittrice, e fu sempre appassionata di letteratura. Inoltre, non visse isolata, ma si lasciò coinvolgere nelle vicende politiche dell’Europa dell’epoca, attraverso le sue forti amicizie.
Questo la rende interessante, perché non è frequente che l’originalità di pensiero si accompagni a un largo orizzonte umano nelle personalità della scienza, neppure oggi, in una società che pure ha superato molte barriere, ma non è ancora disposta a riconoscere facilmente l’importanza e il valore degli scienziati, in particolare delle donne.


Vichi de Marchi

La trottola di Sofia
Sofia Kovalevskaja si racconta

Editoriale Scienza –  Firenze – Trieste 2014

Pagine 123 – Euro 12,90

Recensione di Raffaella Manara
(Docente di Matematica nelle Scuole Superiori – Redazione Emmeciquadro)

© Pubblicato sul n° 55 di Emmeciquadro



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori