Erio, finalista X Factor 2021?/ “Non faccio la performance per assecondare il pubblico”

- Emanuele Ambrosio

Erio possibile vincitore di X Factor 2021: la sua “Fegato” ha conquistato tutti, ma lui precisa: “non faccio la performance per assecondare il pubblico”

Erio 2019 sky 640x300
Erio

Erio è il papabile vincitore di X Factor 2021. Il 35enne cantautore ha conquistato tutti con “Fegato”, il singolo inedito che porta la firma di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro. Il suo fegato è quello di andare controcorrente, di mostrare le sue fragilità, ma anche la sua forza. La canzone ha conquistato tutti, ma ogni sua performance è apprezzata da giudici e pubblico. Durante l’ultimo Live di XF, il cantautore si è esibito sulle note di “Bird Guhl” di Antony & The Johnsons scelto per lui da Manuel Agnelli. Una canzone non facile che Erio ha saputo interpretare alla grande dominando il palcoscenico e confermando di avere tutte le carte in regole per vincere questa edizione del talent show musicale di Sky.

Il cantautore, intervistato da Rolling Stone, ha commentato il primo live così: “mi sono divertito tanto, ma avevo problemi vocali, ho avuto la febbre e non ce l’ho fatta a debellarla prima della puntata. Siamo partiti già con una challenge bella complicata. Così ho dato ancora più importanza all’interpretazione e ho provato a metterci una pezza così”.

Erio vincerà X Factor 2021?

Non solo, Erio ha parlato anche delle voci di corridoio che lo danno come vincitore annunciato di X Factor 2021. “Non mi pesa, so cosa voglio fare e non faccio la performance per assecondare i gusti del pubblico o primeggiare sugli altri, ma solo per fare al meglio la mia musica e quello che ho in testa” – ha detto a gran voce il concorrente.

Erio, infatti, è consapevole dei suoi pregi, ma anche dei suoi difetti e non ha paura di ammetterlo. “So quali sono i miei errori e li correggiamo insieme a Manuel ogni giorno” – ha concluso rivelando – “all’esordio nei live ho stonato e anche se molti non l’hanno notato, io lo so e quello conta. Così come nella scrittura sono molto severo con me stesso. Sono il giudice più severo di me stesso, anche perché so per esperienza che i grandi entusiasmi si spengono prima e poi. Fra qualche settimana le gerarchie saranno ribaltate, che ne sai”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA