STRAGE/ Negli Usa, in New Mexico, un ex impiegato uccide sei persone in fabbrica e poi si toglie la vita

- La Redazione

Una nuova strage scuote gli Stati Uniti. Nella città di Albuquerque, nel New Mexico, un uomo di 37 anni ha ucciso sei persone

PistolaR375
Una pistola fumante

STRAGE – Negli Usa, in New Mexico, un ex impiegato ammazza sei persone in fabbrica e poi si uccide – Una nuova strage scuote gli Stati Uniti. Nella città di Albuquerque, nel New Mexico, un uomo di 37 anni è entrato alla Emcore Corporation, un’azienda specializzata nella costruzione di fibre ottiche, e aperto il fuoco contro i lavoratori, uccidendone sei e ferendone quattro. Dopo di che si è fermato, si è puntato l’arma addosso e si è tolto la vita.

Il capo della polizia di Albuquerque, Ray Schultz, ha detto che l’uomo era un ex dipendente della Emcore e a quanto pare, il suo obiettivo principale era una donna, anch’egli impiegata nell’azienda, con cui aveva avuto una lite.

Sembra che la donna non sia tra le vittime e i feriti. I due hanno due figli gemelli di cinque anni che si trovavano in casa al momento della tragedia. I nomi delle persone coinvolte non sono ancora stati diffusi, mentre dei quattro feriti trasportati in ospedale, sembra che uno solo versi in condizioni gravi.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Uno dei dipendenti avrebbe rivelato ai media che la donna stava lottando per riuscire a ottenere la custodia dei due figli dopo la separazione dall’uomo. Gli inquirenti non escludono comunque che l’assassino avesse un altro bersaglio oltre alla donna e che magari sia riuscito a colpirlo.

Per ora le autorità stanno ancora studiando la scena del crimine che risulta essere molto vasta. Ci vorrà ancora del tempo per conoscere qualche dettaglio in più sull’intera tragica vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori