ISRAELE, NATO VITELLO ROSSO: FINE DEL MONDO VICINA?/ Che cosa dice veramente l’Antico Testamento

- Silvana Palazzo

Israele, nato vitello rosso: fine del mondo vicina? Per i testi sacri questo evento prefigura l’Apocalisse. Ma ci sono perplessità perché è nato da embrioni congelati di red angus

vitello_rosso
Israele, nato vitello rosso: fine del mondo vicina?

La profezia del “vitello rosso” si trova nel capitolo 19 del libro dei Numeri. In realtà era tradizione ai tempi dell’antico testamento che una giovenca rossa o che avesse almeno un pelo di un altro colore, venisse bruciata e le ceneri mescolate con acqua usate per la purificazione rituale. La prima giovenca rossa a essere bruciata fu ai tempi di Mosè, col tempo poi il passaggio citato della Bibbia è diventato spunto per interpretazioni varie, spesso incomprensibili. Non è dunque accertato, neppure per gli esperti di ebraismo e antico testamento, che la nascita di un vitello rosso significhi l’arrivo del Messia. Per gli ebrei, poi, l’arrivo del Messia non coincide con la fine del mondo, ma con l’’instaurazione del regno di Israele sulla Terra, sono i cristiani che credono che il ritorno del Messia accada in coincidenza con la fine dei tempi (Agg. Paolo Vites)

LA PROFEZIA

Un vitello rosso è nato in Israele e l’evento è stato accolto come un presagio in vista di una fine del mondo vicina. Attenzione però ad impaurirsi, visto che l’animale in questione dovrà essere sottoposto ad una serie di controlli prima di confermare che lo stesso sia effettivamente l’animale profetizzato dalle Sacre Scritture e che preannuncia appunto l’apocalisse. In attesa degli esami, crede molto nella profezia il rabbino Chaim Kanievsky, fra i maggiori studiosi ebrei del mondo, secondo cui il messia sarebbe nato questo sabato, proprio in concomitanza con l’arrivo del piccolo animale. Secondo lo studioso, l’epoca attuale di «odio per coloro che imparano la Bibbia», si avvicina a quanto proferito sul Messia, aggiungendo che stanno iniziando a palesarsi i «segni di redenzione». Kanievsky ha concluso e ribadito che «questa generazione mostra odio assoluto per coloro che studiano la Bibbia, specialmente negli ultimi anni». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

UN EVENTO IN ISRAELE

La nascita di un vitello rosso è diventata un vero e proprio evento in Israele. Il motivo? Secondo i testi sacri infatti si tratterebbe del pre-annuncio della fine del mondo. E’ stato Il The Temple Institute, attraverso un video pubblicato su Youtube, a darne notizia. L’animale è stata esaminata approfonditamente da parte di una serie di rabbini esperti, che hanno confermato la sua candidabilità come giovenca della Bibbia Rossa. Ma sarebbe più opportuno usare il condizionale: gli esperti infatti hanno ammesso che il vitello potrebbe essere “squalificato” per motivi naturali. I capi del Temple Institute hanno fondato il programma Raise a Red Heifer tre anni fa, con l’obiettivo di allevare una mucca perfettamente rossa: ora sarà necessario un controllo di esperti teologi e scienziati per capire se possiede i requisiti profetizzati. L’animali, infatti, non deve avere nessun difetto. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

L’ANNUNCIO DEL THE TEMPLE INSTITUTE

È nato il vitello rosso, simbolo della fine del mondo per i testi sacri. In particolare, per l’ebraismo il sacrificio di un vitello rosso precederebbe la costruzione del terzo tempio e la nuova venuta del Messia. Ad annunciare la nascita dell’animale è il The Temple Institute, che ha pubblicato su YouTube un video del giovane esemplare nato peraltro in Israele. Ma forse non c’è da preoccuparsi per la nascita “apocalittica” del vitello rosso, che «porta la promessa di ripristinare la purezza biblica nel mondo» secondo i testi sacri. Stando a quanto riportato da Breaking Israel News, questo esemplare è nato dall’impianto “artificiale” di embrioni di red angus in mucche tradizionali. E allora possiamo dormire sonni tranquilli e rimandare a data da destinarsi la fine del mondo. Ma ora tocca agli esperti veterinari e teologici israeliani studiare con attenzione il vitello rosso nato per constatare o meno se si tratti effettivamente del vitello prescelto, annunciatore della fine del mondo.

ISRAELE, NATO VITELLO ROSSO: FINE DEL MONDO VICINA?

La fine del mondo è vicina? The Temple Institute ha annunciato la nascita di un vitello interamente rosso. Nei testi sacri è scritto che la nascita e il sacrificio di questo animale precede la costruzione del terzo tempio a Gerusalemme, e questo – dopo la distruzione dei due precedenti – annuncia l’arrivo del Messia. I teologi cristiani invece hanno collegato la costruzione del terzo tempio al giorno del giudizio. Il vitello in questione però potrebbe non essere considerato come simbolo della fine del mondo “per cause naturali”, visto che è embrioni congelati di red angus sono stati impiantati nelle tradizionali mucche israeliane. Quindi il neonato vitello non soddisferebbe i “requisiti” della cosiddetta profezia, secondo cui l’animale non deve presentare “difetti”. Non si tratta comunque del primo esemplare di vitello rosso salito alla ribalta: negli anni scorsi sono stati esaminati altri esemplari dalla commissione di rabbini. Finora nessuno ha soddisfatto i requisiti, a partire da quello di essere «senza macchia».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori