ARIZONA/ Donna in coma da 14 anni partorisce. Aperte indagini per abuso sessuale

In Arizona una donna che si trova da 14 anni in stato vegetativo ha partorito un bambino. Le autorità hanno aperto un’indagine per abuso sessuale

05.01.2019 - Bruno Zampetti
Morto di meningite a Roma, aule del Vespucci semi-vuote

ARIZONA, DONNA IN COMA DA 14 ANNI PARTORISCE

In Arizona una donna che si trova da 14 anni in stato vegetativo ha partorito un bambino. Come viene spiegato dal Messaggero e dalla Stampa, che citano quanto riportato dalla Cbs, le autoritàes hanno aperto un’indagine sul caso per abuso sessuale. La donna, infatti, si trova in un ospedale di Phoenix e ora si sta cercando di capire che può avere abusato di lei portando alla gravidanza. Quel che appare oltretutto particolare e che nessuno tra il personale della struttura si sarebbe accorto della particolare condizione della donna finché non ha dato alla luce il bambino lo scorso 29 dicembre. Tra l’altro non è nemmeno da escludere che la donna abbia subito più di un abuso ed è anche per questo motivo che l’ospedale, la Hacienda Healthcare, ha deciso di avviare un’inchiesta interna, che si accompagna quindi all’indagine delle autorità.

LA NOTA DELL’OSPEDALE

Visto quanto accaduto, la struttura ha comunque deciso di cambiare le proprie procedure. Se un medico uomo dovrà entrare in una stanza dov’è ricoverata una paziente donna dovrà essere accompagnato da un’infermiera. In questo modo si mira quindi a far sì che ci siano sempre due operatori, entrambi non maschi, insieme a una donna. Oltre a ricordare di godere di un’ottima reputazione, con assistenza specializzata e di alta qualità per i propri pazienti, l’Hacienda Helthcare in una nota fa sapere di non poter rilasciare commenti riguardo i pazienti “a causa delle leggi sulla privacy federali e statali. Inoltre, non possiamo commentare eventuali indagini in corso. Possiamo dire che la salute e la sicurezza dei nostri pazienti sono la priorità numero uno e che collaboriamo sempre, su richiesta di qualsiasi agenzia, in modo aperto e trasparente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA