Scuola, corsi obbligatori su gay e trans/ Genitori contrari alla riforma

- Paolo Vites

Approvata la riforma della educazione sessuale nelle scuole inglesi, ma ai genitori ultratradizionalisti non piace

londraR375
Il parlamento inglese

Una riforma, quella dell’educazione sessuale nelle scuole inglesi, che mancava da vent’anni e che viene adesso aggiornata ai cambiamenti che in questi anni si sono succeduti. Una riforma che sulla carta sembra necessaria e ben impostata, visto quanto ci sia bisogno che nelle scuole si parli in modo trasparente di un argomento che altrimenti rischia di essere male interpretato e soprattutto appreso dai giornali di gossip o da servizi televisivi traumatizzanti e da Internet, che offre una visione distorta e viziosa del sesso. La riforma è stata approvata dopo una consultazione durata sei mesi, si legge sul quotidiano Times. Nelle classi elementari si parlerà di relazioni tra gay, delle famiglie dello stesso sesso e di trans, e soprattutto come chattare online senza finire in inganni e proposte di predatori sessuali, un argomento oggi importantissimo visto che le vittime sono tante. Corsi obbligatori su gay e trans, a cui si aggiungeranno informazioni su argomenti gravissimi come la mutilazione genitale, il sexting, i matrimoni forzati e la violenza domestica. Non si parlerà solo di sesso, ma anche di dipendenza dalle droghe e dall’alcol, dell’uso sicuro dei sistemi informatici, dell disagio mentale.

CORSI SU GAY E TRANS A SCUOLA

Come si vede tutti argomenti che è necessario oggi affrontare, ma in una società multietnica e multireligiosa come quella inglese non è facile che tale riforma sia accettata. Come parlare ad esempio agli studenti islamici di matrimoni forzati e mutilazione genitale? Stesso problema con i cristiani ultratradizionalisti che temono che parlare di famiglie dello stesso sesso equivalga a un lavaggio del cervello che trasformerà i loro figli in omosessuali. Centinaia di questi ultimi hanno manifestato davanti al parlamento inglese portando a Westminster una petizione di 100mila firme con la quale si chiede la modifica della riforma dell’educazione sessuale. Si è arrivati al punto che molti genitori minacciano di far studiare i figli a casa perché non siano “contaminati” da questi insegnamenti. Il ministro Hinds ha negato che ai bambini di 4 o 5 anni verrà parlato di omosessualità e di diversità di genere. Naturalmente un problema c’è, ed è quello del singolo insegnante che potrebbe divagare dalle linee guida delle riforma e manipolare il tipo di insegnamento in modo ideologico, in quanto le decisioni sui contenuti delle lezioni li prenderà lui. Per i genitori firmatari della petizione a parlare di problematiche come gay e transgender devono essere i genitori e non la scuola, ma ci si domanda quanti genitori lo facciano effettivamente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA