Nuova Zelanda, uovo in testa a senatore islamofobo/ Video, lui lo picchia in diretta

Nuova Zelanda, un ragazzo ha spaccato un uovo in testa ad un senatore dopo la strage nelle moschee. La sua reazione è stata violenta, video

16.03.2019 - Dario D'Angelo
uovo senatore nuova zelanda 2019 youtube
Uovo in testa al senatore, Youtube

Tensione altissima in Nuova Zelanda dopo la strage nelle moschee di Christchurch compiuto da un suprematista bianco. Riaperto il dibattito sul razzismo, c’è qualcuno che ha pensato bene di protestare contro quei politici islamofobi. E’ il caso di un ragazzo che ieri dopo la tragedia ha spaccato un uovo in testa al senatore Fraser anning mentre quest’ultimo stava rilasciando delle dichiarazioni ai giornalisti. Nei filmati si vede il giovane nell’atto di colpire il politico con l’uovo, ma la “frittata” viene completata dalla reazione del senatore eletto nel Queensland. L’uomo, infatti, dopo un attimo di smarrimento si è voltato verso il giovane che lo aveva colpito rifilandogli uno schiaffo in pieno volto. Il ragazzo non si scompone e con una mano continua a riprendere la scena con il proprio smartphone. Ma non è ancora finita….

UOVO IN TESTA AL SENATORE

Il senatore Fraser Anning evidentemente non ha voluto saperne di subire l’uovo spaccato in testa dal ragazzino senza reagire. Da qui la decisione di continuare a colpire il giovane, fino a quando le persone tutt’intorno non sono intervenute per separarli. Non che questi ultimi abbiano usato dei metodi più gentili: due di loro, infatti, nel tentativo di immobilizzare il giovane contestatore gli sono praticamente piombati addosso con delle prese da wrestling. Ma come mai il ragazzo se l’era presa proprio con questo senatore? Con ogni probabilità non gli erano andate giù le parole con cui il politico di estrema destra aveva commentato la strage nelle moschee che aveva procurato 49 morti:”La vera causa dello spargimento di sangue nelle strade della Nuova Zelanda oggi è, in primo luogo, il programma di immigrazione che ha permesso ai fanatici musulmani di emigrare in Nuova Zelanda”, ha detto”. Fraser, come riporta Vox, aveva aggiunto:”Parliamoci chiaro, anche se oggi i musulmani sono stati le vittime, di solito sono i perpetratori. I musulmani di tutto il mondo stanno uccidendo persone in nome della loro fede su scala industriale”. Insomma, parole non propriamente concilianti, dopo una strage come quella di Christchurch…



© RIPRODUZIONE RISERVATA