Franco Gatti, il figlio morto Alessio la moglie Stefania Picasso/ Un dolore immenso che non li ha divisi

- Hedda Hopper

Stefania e Alessio, chi sono moglie e figlio di Franco Gatti de I Ricchi e Poveri? Il figlio della coppia è morta e il dolore li ha distrutti ma non separati…

franco gatti figlio vienidame 640x300
Franco Gatti e il figlio Alessio

Chi segue un po’ la tv, programmi di approfondimento e intrattenimento come quelli di Barbara d’Urso o Storie Italiane, conosce bene la famiglia di Franco Gatti de I Ricchi e Poveri ma anche la moglie Stefania Picasso e il figlio Alessio. Soprattutto conosce i dettagli di un dolore immenso legato alla morte del giovane, un dolore atroce che li ha distrutti ma mai divisi. Questa sera I Ricchi e Poveri saranno celebrati su Rai1 in A Grande Richiesta ma siamo certi che in molti ricorderanno anche il dramma che ha coinvolto Franco Gatti. In particolare, la moglie del cantante si chiama Stefania Picasso che è uscita dal suo anonimato proprio per via della scomparsa del figlio e ai presunti contatti che riceverebbe dall’oltretomba attraverso pratiche occulte che le permetterebbe di parlare con lui.

Un dolore immenso per la perdita del figlio Alessio ma adesso mamma Stefania e papà Franco Gatti…

Alessio Gatti è venuto a mancare nel 2013 per via di quello che sembra essere un eccesso di alcol e droga assunti in un momento particolare della sua esistenza. In molti sono convinti che all’epoca il giovane vivesse in uno stato depressivo o comunque di disequilibrio psichico tant’è che lo stesso padre ha ammesso che il figlio “beveva, beveva e beveva” e che forse proprio quello lo abbia ucciso. Franco Gatti ha sottolineato: “Ho inculcato a mio figlio, fin da piccolo, la paura delle droghe, voglio sperare che Alessio sia morto per cause naturali e non per droga” ma così non è stato e sembra proprio quelle sostanze gli abbiano causato l’infarto per il quale è morto. Oltre a papà e mamma, a soffrire per la morte di Alessio è stata anche sua sorella Federica, di recente laureata in giurisprudenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA