Gazzetta Ufficiale Concorsi 2019/ Mibac Bando oggi? In palio 1052 posti da vigilanti

- Dario D'Angelo

Gazzetta Ufficiale, oggi la pubblicazione del bando di concorso Mibac annunciata dal ministro Bonisoli. E’ la prima tranche delle nuove assunzioni.

18app
Ministro della Cultura, Alberto Bonisoli (LaPresse, 2018)

Concorso Mibac 2019: è attesa per oggi, venerdì 9 agosto, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del primo bando di concorso del ministero per i Beni e le Attività culturali che prevede l’assunzione di 1052 vigilanti. L’indicazione per la data odierna come quella buona per la pubblicazione del bando era arrivata lo scorso primo agosto dallo stesso ministro Alberto Bonisoli, che sulla sua pagina Facebook aveva dichiarato:”Sta per partire il più grande piano di assunzioni della storia del Ministero per i beni e le attività culturali. Era stata la mia priorità sin dai primi giorni del mio mandato e da subito mi sono adoperato per cercare le coperture economiche. Finalmente ce l’abbiamo fatta. Il primo bando prevede l’assunzione di 1052 vigilanti e sarà pubblicato il 9 agosto in #GazzettaUfficiale”.

GAZZETTA UFFICIALE CONCORSI 2019

Proprio il ministro Alberto Bonisoli ha lasciato intendere nelle scorse settimane che il bando di concorso Mibac 2019 pubblicato in data odierna sulla Gazzetta Ufficiale sarà soltanto il primo. Nei prossimi mesi, pare per ottobre 2019, è prevista infatti la pubblicazione di un secondo bando che porterà all’assunzione di funzionari amministrativi, Nel 2020, poi, verranno messi in palio altri 750 posti per personale non dirigenziale. Numeri alla mano il primo bando di concorso Mibac 2019 sarà anche quello più sostanzioso in fatto di assunzioni. Le 1052 nuove unità di personale assunte nel ruolo di addetti all’accoglienza e alla vigilanza saranno chiamati a svolgere mansioni di custodia dei monumenti, parchi, siti storici e musei in tutta Italia. Per visionare i requisiti per partecipare al concorso bisogna attendere ovviamente la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ma, da quanto filtra, non dovrebbe essere necessaria la laurea triennale. Diversamente sarà fondamentale la padronanza della lingua inglese per rapportarsi ai turisti e una discreta competenza artistica da esibire nei musei, nei parchi e nei siti storici.



© RIPRODUZIONE RISERVATA