Gianna Orru, truffa a mamma Valeria Marini/ Fredella “Una grande donna e mamma”

- Davide Giancristofaro Alberti

Si torna a parlare della truffa di Gianna Orru, mamma di Valeria Marini, negli studi del programma di Rai Uno, Storie Italiane

fredella storie italiane rai 2021 640x300
Francesco Fredella a Storie Italiane sulla truffa a Gianna Orru

La signora Gianna Orru, mamma di Valeria Marini, è stata ospite nuovamente stamane degli studi di Storie Italiane, in diretta su Rai Uno, per tornare a parlare della truffa subita e che gli ha provocato un danno di ben 335mila euro. Il processo scatterà solo nel 2023: “E’ un processo documentato – racconta Gianna Orru in diretta tv – tutto ciò che io dico è tutto nero su bianco, è come se il processo fosse già fatto. Bugie non ne racconto, ho fatto scrivere tutto”. Quindi ha svelato: “Io ho i telefonini bloccati perchè sui telefonini c’era tutta una documentazione che il signor presunto colpevole mi mandava tutte le settimane con i guadagni fatti, almeno 15mila ogni sette giorni, poi un giorno è sparito tutto. Abbiamo trovato un ingegnere informatico che ha tirato fuori tutto. quindi dover mettere il tuo telefono privato nelle mani… la tua vita è completamente stravolta e io non ho i telefonini. Questo signore ha i telefonini o gli sono stati tolti?”.

Sulle illazioni che Gianna Orru voleva avere una relazione con il suo presunto truffatore: “Lui ha cercato di dire che ero innamorata di lui, che avevamo fatto ses*o ma lui non voleva mentre Valeria sì.. se voi ascoltate le cose demenziali che ha detto. E poi aveva molte foto mia nuda: io mi son messo a ridere, era una cosa divertente. Poi ha smentito perchè forse l’avvocato l’ha avvisato, ma la denuncia è comunque partita. Io non ho neanche foto in costume da bagno. L’ingegnere informatico che ha recuperato il materiale sui telefonini, è stato fermato da un amico che gli ha chiesto se vi fossero davvero le foto nude della mamma di Valeria Marini. Il dubbio è venuto, è gravissimo”.

GIANNA ORRU: “MI DICEVA CHE ERO UNA BELLA DONNA, CHE ERO IN GAMBA…”

Eleonora Daniele ha quindi chiesto se il suo presunto truffatore l’avesse corteggiata: “Lui mi corteggiava all’inizio – racconta Gianna Orru – ‘che bella donna che sei, che donna in gamba’. Si era creato un rapporto d’amicizia. Non ci ha provato, sinceramente no,ti lusingava e ti faceva piacere. Se uno mi compra e mi dice certe cose ti fa piacere. Mi dava attenzioni? Io parlavo di amicizia – ha proseguito la mamma di Valeria Marini – mentre lui mi diceva ‘è il giorno più bello della mia vita oggi che ti ho incontrata’”. E ancora: “Mi ha stravolto la vita. Adesso va un pochino meglio perchè parlarne è terapeutico, mi ha rubato anni importantissimi. Alla mia età che io stia dentro casa sempre solo pensando a questa cosa, credetemi è pesante”.

GIANNA ORRU E LA TRUFFA DA 335MILA EURO: IL COMMENTO DI FRANCESCO FREDELLA ANCHE SU CAZZANIGA

Sulla vicenda di Gianna Orru è intervenuto anche Francesco Fredella, noto giornalista e collega, che in collegamento con il programma di Rai Uno ha spiegato: “Diciamo che il danno già è grave, perchè parliamo di una donna che tutti conosciamo, una grande donna e una grande mamma. Penso non vi sia cosa peggiore che parlare di ses*o e ricatti sessuali”.

Quindi Fredella ha proseguito: “Prima di tutto doveva chiedere scusa, poi ci sarà un processo, e mi auguro che Gianna possa vincere e riavere i suoi soldi”. La morale è che non bisogna mai fidarsi di nessuno: “Non bisogna mai fidarsi di nessuno, facciamo attenzione – spiega ancora Fredella – Valeria Marini ha scoperto tutto grazie ad una email, non era una email certificata di una piattaforma di trading, questo è stato l’indizio che ha fatto scoprire tutto”. Nell’occasione Fredella ha parlato anche della truffa ai danni di Cazzaniga, noto pallavolista, che per 15 anni ha creduto di avere una relazione con una donna, perdendo ben 700mila euro: “La notizia di Cazzaniga è rimbalzata ovunque, ma questo ragazzo è uno sportivo professionista, è caduto in una trappola, ma la domanda è come si fa per 15 anni pensare di essere innamorati di una persona che non si è mai vista, baciata, quindi è sicuramente una truffa ma forse è la peggiore in assoluto, 15 anni sono un’eternità, un’epoca, ma per 15 anni un campanello d’allarme lo dobbiamo anche ascoltare”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA