Giuseppe Pio, 18enne bullizzato oggi ambasciatore Moige/ Fredella: “Lui è un eroe”

- Davide Giancristofaro Alberti

La commuovente storia di Giuseppe Pio, il 18enne che era finito in coma dopo aver ricevuto un pugno, e che oggi è diventato ambasciatore Moige. Fredella: “E’ un eroe”

fredella rai 2021 637x300
Francesco Fredella a Storie Italiane

Giuseppe Pio D’Astolfo era finito in coma mesi fa dopo aver ricevuto un pugno senza alcun motivo da parte di un bullo. Dopo giorni terribili il 18enne di Lanciano si è fortunatamente ripreso, ed oggi è stato ospite in collegamento con il programma di Rai Uno, Storie Italiane: “Sono molto emozionato – racconta il giovane che oggi è stato proclamato ambasciatore del Moige contro il bullismo – sono molto felice e sono contento di aver fatto proprio oggi la prima video-lezione per parlare con i ragazzi, è stato molto positivo, mi hanno applaudito, erano contenti, c’è stata molto affinità e mi hanno chiesto di rivederci”.

Così la madre: “Oggi è una giornata speciale, sono molto felice. Non pensavo potesse andare così, mio figlio è un miracolato e speriamo possa andare tutto per il meglio”. Giuseppe Pio D’Astolfo è stato nominato in diretta tv ambasciatore del Moige da parte del presidente dell’associazione: “Grazie per quello che hai fatto e per quello che farai”. Cecchi Paone in studio: “Giuseppe buongiorno, siamo colleghi anche io sono ambasciatore contro il bullismo, sono molto curioso di quello che dirai in queste chiacchierate con i ragazzi, qual è il concetto di fondo che trasmetti loro”.

GIUSEPPE PIO, DOPO IL COMA ORA AMBASCIATORE MOIGE, FREDELLA: “CHE BELLA STORIA”

Il ragazzo ha replicato: “Io trasmetto molta positività, affetto anche nelle piccole cose, cerco di aiutare il bisognoso sia fisicamente che mentalmente, cerco di aiutare il prossimo, non è giusto abbattere un altro individuo, è una cosa sbagliatissima da fare e cercheremo in tutti i modi di combattere questo fenomeno”. Sulla vicenda è intervenuto anche il collega giornalista Francesco Fredella, che ha voluto fare un applauso a Giuseppe: “E’ un eroe, davvero bravo, è un messaggio che sia da esempio per tutti i ragazzi, ringrazio anche il Moige che ha fatto tanto e sta facendo tantissimo. E’ stato vittima di un’aggressione pazzesca, è stato un miracolato perchè è riuscito ad uscire dal coma ed è riuscito a ricominciare a prendere in mano la propria vita. Ora Giuseppe devi correre, devi insegnare a tutti la solidarietà e il bene, tu hai un grande cuore e tutti noi giornalisti siamo lieti di raccontare una storia come la tua, a lieto fine, un ragazzo che ha voglia di insegnare il bene e l’amore”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA