Giuseppe Russo, influencer scambiato per Narcos in Messico/ “Tre ore di paura”

- Davide Giancristofaro Alberti

Giuseppe Russo, giovane influencer napoletano e la sua terribile vicenda vissuta in Messico: scambiato per un Narcos

giuseppe russo 640x300 Giuseppe Russo, influencer scambiato per narcos (I Fatti Vostri)

Giuseppe Russo, un influencer napoletano, ha vissuto una terribile avventura in quel di Messico: è stato infatti scambiato per un narcos, un trafficante di droga, vivendo alcune delle ore più brutte della sua vita. Oggi Giuseppe Russo è stato intervistato negli studi de I Fatti Vostri: “Sono stato fermato alla dogana, al controllo passaporti. La mia ragazza è passata subito, poi io ho consegnato il passaporto all’addetto che per un paio di minuti ha fissato documenti e il mio volto, un tempo piuttosto lungo per il controllo. Ho iniziato a preoccuparmi”.

E ancora: “Mi ha detto che dovevano fare un ulteriore controllo, e mi hanno portato in un’altra stanza asettica, un po’ cupa e buia. Mi ha sequestrato cellulare, passaporto e bagaglio a mano, e mi ha chiuso in questa stanza. Nessuno – ha continuato Giuseppe Russo – mi ha spiegato niente, neanche una parola, avevo capito solo che dovevano fare un controllo”.

GIUSEPPE RUSSO: “MI HANNO CHIUSO IN UNA STANZA BUIA E BRUTTA…”

“Quando ho visto che mi hanno chiuso nella stanza buia e brutta, mi sono preoccupato molto, in quanto ero senza cellulare, senza passaporto, completamente spoglio e mi son detto cosa stesse succedendo”. Ha continuato l’influencer Giuseppe Russo che poi ha ripreso la parola: “Sono stato circa un’ora e mezza, poi sbirciavo dalla serratura e vedevo che i poliziotti facevano fotocopie, si passavano il passaporto. Io provavo a bussare, mi preoccupavo anche di Federica (la sua compagna ndr)”.

Dopo un po’ finalmente qualcuno ha aperto la porta: “Dopo un periodo che sembrava infinito è arrivata una poliziotta che con un’aria di sfida, senza tranquillizzarmi, mi ha fatto una sorta di interrogatorio, mi ha chiesto che lavoro facessi, domande sulla mia famiglia. Non capivo il perchè di queste domande, ho detto loro che ero un influencer”. Ad un certo punto Giuseppe ha capito tutto: “Hanno detto la parola narcos ed ho capito di essere stato scambiato per un narcotrafficante. Cercavano un altro trafficante che avevano il mio stesso nome e cognome”. Fortunatamente le forze dell’ordine hanno in seguito capito che si trattava di uno scambio di persona, visto che il narcos che stavano cercando si chiamava anch’egli Giuseppe Russo: il povero influencer napoletano è stato “liberato” ed ha così potuto trascorrere la sua vacanza in Messico.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Programmi tv

Ultime notizie