Guido Gagliardi/ Contro di lui i complottisti (L’Eredità Torneo dei supercampioni)

- Morgan K. Barraco

Guido Gagliardi, L’Eredità – Torneo dei supercampioni: contro di lui tutti i complottisti, ma la vittoria da oltre 176mila euro ne fa uno dei concorrenti più in gamba di sempre.

guido gagliardi 2019 tv
Guido Gagliardi, L'Eredità - Torneo dei supercampioni

Guido Gagliardi ha dovuto subire il sospetto di tutti i complottisti a L’Eredità, che non hanno visto di buon occhio la sua partecipazione e vittoria in tv. Lo troviamo infatti fra i super campioni, attualmente in carica e per molti fin troppo avvantaggiato rispetto agli avversari. Il malumore serpeggia sui social, dove in molti hanno scelto in questi giorni di contestare le dinamiche del gioco ed hanno sottolineato come spesso ci sia una differenza sostanziale fra le domande fatte al campione e quelle riservate invece agli sfidanti. Guido Gagliardi tornerà anche questa sera, lunedì 27 maggio 2019, in occasione de L’Eredità – Torneo dei Super Campioni, come uno dei sette vincitori storici della nuova edizione del quiz show. Il ricercatore in Fisica di Recco, in provincia di Genova, è riuscito a vincere anche nella puntata trasmessa lo scorso 23 maggio, confermandosi come vincitore per l’undicesima volta. Lo scivolone tuttavia non è mancato, visto che durante La Ghigliottina non è riuscito a dare la soluzione corretta e si è visto sfumare la possibilità di vincere il tesoretto della serata, pari a 220 mila euro.

Guido Gagliardi, L’Eredità – Torneo dei supercampioni: un piatto da oltre 176mila euro

Guido Gagliardi è riuscito per ora a portarsi a casa oltre 176 mila euro ed è forse fra i super campioni più ricchi de L’Eredità. La sua avventura nel programma di Flavio Insinna è iniziata con una salita tiepida ed un tesoretto da oltre 21 mila euro ottenuto grazie a La Ghigliottina. Forse durante le fasi iniziali il pubblico non ha scommesso più di tanto sulla possibilità che potesse rimanere in gioco per tanto tempo, ma l’insegnante di Recco è riuscito a sfatare ogni previsione negativa. A tifare per lui invece ci sono i cittadini della città in cui abita per motivi di lavoro e quella di nascita, la sua Siena. Sui social le critiche non sono mancate, soprattutto per quel suo modo di fare antisportivo che in alcune occasioni lo hanno spinto a deridere gli altri giocatori. La preparazione di Gagliardi, per quanto visibilmente completa, non lo ha salvato quindi dalla polemica scatenata dagli haters. Da quel momento in poi il terreno social non è stato semplice per il campione, paragonato persino a Nicolò Scalfi di Caduta Libera, che a sua volta non viene visto di buon occhio da chi non crede nell’assenza di aiutini. “Con Guido si vuole creare una risposta a Caduta Libera”, scrive infatti un utente particolarmente risentito. Agli occhi di molti sarebbe finito tutto quindi in uno scontro fra titani, che vede il programma di Insinna prendere di petto lo show di Gerry Scotti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA