Asus Zenfone 5 sfida Galaxy S9 e iPhone X/ Presentato il nuovo smartphone con la “tacca”

Asus Zenfone 5 sfida Galaxy S9 e iPhone X, presentato il nuovo smartphone con la “tacca”. La casa di Taiwan sfida i due colossi di Samsung e Apple con il suo ultimo gioiello

zenfone_2018_instagram
Il nuovo Asus Zenfone 5 - Instagram

C’era grande attesa fino a poche ore per tutti gli amanti degli smartphone Asus nonché dei telefoni in generale. All’MWC 2018 di Barcellona, è stato infatti svelato il nuovo Zenfone 5, ultimo prodotto della fortunata serie di telefoni prodotti dal noto marchio di Taiwan. Come ormai da “tradizione” in questi ultimi mesi, anche lo Zenfone 5 sarà uno smartphone all-display, “tutto schermo”, seguendo quindi la linea già percorsa dall’iPhone X e da altri prodotti simili. Rispetto però al gioiello di casa Apple, l’Asus si vanta del fatto che «Il rapporto screen-to-body su ZenFone 5 è del 90%, e dell’86% su iPhone X». Di conseguenza, la famosa tacca o “notch”, per dirlo in termine tecnici, sarà leggermente più piccola sul nuovo telefono di Taipei. La tacca dello Zenfone 5 è stata introdotto per «ottimizzare lo spazio e ospitare fotocamera frontale e altri sensori».

LE TRE VERSIONI DI ZENFONE 5

Tra l’altro, sempre per sottolineare la superiorità nei confronti dell’X, il nuovo Zenfone 5 avrà un display da 6.2 pollici, più grande rispetto appunto a quello utilizzato dallo smartphone statunitense. Tre le versioni che usciranno, e quella più evoluta sarà la 5Z con processore Qualcomm Snapdragon 845, con Qualcomm Artificial Intelligence Engine (AIE), 8GB di memoria RAM e 256GB di memoria ROM. Le versioni 5Z e 5 saranno inoltre dotate di fotocamera doppia, mentre lo Zenfone 5 Lite sarà uno smartphone da 6 pollici con ben quattro fotocamere ad alta risoluzione e grandangolari sia sul fronte che sul retro, unico telefono ad avere questa speciali caratteristiche. Inizia quindi la sfida con l’iPhone X ma anche con il Samsung Galaxy S9, presentato negli scorsi giorni, e uno dei pochi telefoni a non aver introdotto ancora la famosa tacca.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori