Troppo tempo su Facebook? Arriva la soluzione / Presto nel dashboard un nuovo strumento: ecco cos’è

- Matteo Fantozzi

Troppo tempo su Facebook? Arriva la soluzione. Presto il noto social network metterà a disposizione un nuovo strumento nel dashbord in grado di monitorare la nostra attività al suo interno.

facebook_smartphone_pixabay
Allarme sicurezza Instagram

TechCrunch racconta come Facebook sia pronto a lanciare una pagina dal nome “Your time on Facebook” nella quale viene specificato il tempo passato sul social network negli ultimi sette giorni. Questo ci consentirà di capire quello che è il tempo che trascorriamo all’interno del nostro portale preferito e capendo se forse sono da cambiare le nostre abitudini. Sicuramente la società sta andando avanti anche grazie ai social network, ma proprio per questo è importante cercare di capire come difendersi dal rovescio della medaglia di questo. Ci troviamo infatti fin troppo spesso di fronte al rischio di una patologia da dipendenza che rende improvvisamente queste piattaforme da socialmente utili ad altamente pericolose. Sicuramente la mano tesa da parte direttamente di Facebook è un segnale importante.

ARRIVA UN NUOVO STRUMENTO SUL SOCIAL NETWORK

La dipendenza da social network sta diventando una patologia sempre più diffusa in tutto il mondo. Per questo Facebook ha deciso di sorprendere tutti con un rimedio che possa aiutare le persone ad evitare di rimanere per troppi tempi collocati davanti alla piattaforma. L’obiettivo è quello di regolare le visite con un vero e proprio timer che permette di rendersi conto quanto tempo si passa all’interno del portale. Lo strumento dovrebbe essere introdotto in una dashboard di controllo proprio all’interno di Facebook. Sicuramente si tratta di un passo veramente molto importante per sensibilizzare le persone sulla dipendenza dei social network. Fin troppo spesso infatti ci troviamo troppo spesso a non renderci conto di passare molto tempo su Facebook, un timer ci potrebbe segnalare l’orario in maniera pratica, invitandoci quindi ad uscire per fare altro. Non è una soluzione assoluta, ma di certo un bel progresso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori