Amazon, musica in streaming gratis?/ Un’alternativa a Spotify con supporto pubblicità

Amazon, musica in streaming gratis? Presto un’alternativa a Spotify grazie anche al supporto della pubblicità: l’indiscrezione rilanciata da Billboard

Amazon Music
Amazon Music (Web, 2019)

Amazon potrebbe lanciare a breve un servizio di streaming musicale totalmente gratuito: è questa l’indiscrezione rilanciata nelle ultime ore dal portale di Billboard che, citando fonti vicine alla multinazionale di Jeff Bezos, parla per primo di una possibile offensiva contro la piattaforma di Spotify. Infatti il colosso dello shopping online punterebbe a diventare una seria alternativa alla piattaforma svedese lanciata nel 2008 e che oggi rappresenta una delle principali opzioni per chi cerca servizi di streaming on demand, ma anche ad Apple Music, altro importante competitor del settore: stando a quanto si apprende, Amazon offrirebbe l’apertura di account gratuiti per riprodurre della musica che sarebbe pagata di fatto grazie all’ingente supporto della pubblicità; a tal proposito la stessa multinazionale pare si sia offerta di pagare alcune importanti etichette discografiche per poter dare vita a una struttura di questo tipo.

LO STREAMING MUSICALE GRATIS DI AMAZON

Secondo l’indiscrezione pubblicata da Billboard, il lancio di questa piattaforma di streaming gratis potrebbe essere imminente anche se non se ne conoscono ancora tutti i dettagli: tuttavia, a livello di strategie, era chiaro da tempo come Amazon puntasse ad entrare in tackle in quella fetta di mercato oramai consistente che è quella dello streaming online, puntando nel breve-medio periodo a spodestare Spotify dal suo trono. Quest’ultimo infatti conta attualmente 116 milioni di utenti gratuiti, a fronte di quasi 100 milioni di paganti; cifre inferiori per Apple Music che avrebbe “solo” 56 milioni di account a pagamento ma non prevede forme di ascolto gratuito. Secondo delle stime non ufficiali -dato che non provengono da Amazon- gli abbonati al proprio servizio musicale sarebbero circa 20 milioni ma è chiaro che la prospettiva di ascolti gratuiti potrebbe far lievitare questa cifra per il colosso dell’e-commerce.



© RIPRODUZIONE RISERVATA