Idrossiclorochina “sicura contro coronavirus”/ Lo studio “efficace a inizio malattia”

- Silvana Palazzo

Idrossiclorochina “sicura ed efficace contro il coronavirus”. I risultati di uno studio francese: “Riduce mortalità pazienti”, spiega team guidato da Didier Raoult

Laboratorio Coronavirus
Ricerca contro il Coronavirus (LaPresse, immagine di repertorio)
Pubblicità

Dopo uno studio cinese, anche dalla Francia arriva la conferma che l’idrossiclorochina riduce il rischio di mortalità nei pazienti affetti da Covid-19. I risultati dello studio, pubblicato su Travel Medicine and Infectious Disease, spingono ulteriormente il professor Didier Raoult a suggerire la prescrizione della clorochina a tutte le persone infette. Si tratta dello stesso luminare francese che è stato interpellato da Le Iene. I ricercatori, guidati dal direttore dell’istituto universitario delle malattie infettive di Marsiglia, hanno esaminato 1.061 pazienti positivi al Covid-19 che sono stati trattati con idrossiclorochina (HCQ) e azitromicina (AZ) per almeno tre giorni. In 973 pazienti sono stati ottenuti buoni risultati clinici in 10 giorni (91,7%). Scarsi risultati sono stati invece riscontrati per 46 pazienti, mentre 10 (di cui 2 dopo studio) sono morti a causa dell’insufficienza respiratoria, non da tossicità cardiaca, mentre 5 sono ancora ricoverati in ospedale. «La somministrazione della combinazione HCQ+AZ prima che si verifichino complicazioni COVID-19 è sicura e associata ad un tasso di mortalità molto basso nei pazienti», la conclusione a cui sono giunti gli scienziati.

Pubblicità

IDROSSICLOROCHINA “EFFICACE CONTRO CORONAVIRUS”

Quattro studi hanno dimostrato che l’idrossiclorochina solfato (HCQ) inibisce SARS-CoV-2 in vitro, un altro ha dimostrato che ciò avviene anche in combinazione con l’azitromicina (AZ). Sull’efficacia però la comunità scientifica si è divisa. Ma la maggior parte dei pazienti esaminati in questo studio non hanno registrato un peggioramento delle loro condizioni dopo l’uso di idrossiclorochina e azitromicina. Solo 10 pazienti sono stati trasferiti in terapia intensiva ed è stata registrata una mortalità bassissima. «Secondo la nostra esperienza, il trattamento è stato ben tollerato con una bassa percentuale di eventi avversi (2,4%), che sono stati tutti lievi con tre interruzioni del trattamento». I ricercatori hanno inoltre registrato una diminuzione della contagiosità dei pazienti, quindi della loro carica virale. «Questo può avere importanti conseguenze in termini di contagiosità della malattia». In conclusione, i ricercatori di Marsiglia ritengono ragionevole «seguire le raccomandazioni fatte nei paesi asiatici per il controllo del COVID-19, in particolare in Corea e in Cina», cioè «testare il maggior numero possibile di pazienti e trattarli con i farmaci disponibili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità