Il Segreto/ Anticipazioni puntate 20-24 luglio: Angustias torna a casa e…

- Matteo Fantozzi

Il Segreto, anticipazioni puntate 20-24 luglio: Angustias è di ritorno a casa, otterrà con inganno le dimissioni. Cosa accadrà questa settimana?

angustias segreto 2019 tv 640x300
Angustias, Il Segreto

Il Segreto, anticipazioni puntate 20-24 luglio

Nelle puntate de Il Segreto, in onda dal 20 al 24 luglio, Angustias farà finalmente ritorno a casa, riuscendo ad ottenere con l’inganno le dimissioni, facendosi credere guarita. Durante una festa a casa di Francisca, la donna si renderà conto dell’interesse che c’è fra Tristan e Pepa e cercherà di mettere l’uno contro l’altra rubando un fermaglio per capelli che l’uomo aveva regalato alla levatrice. Pepa, pensando che sia stato un atto voluto del Montenegro, deciderà di mettere da parte il suo amore per lui e accetterà di frequentare Sebastian. Raimundo inizierà a stare meglio e riceverà la visita di un amico che gli risolleverà il morale. Però inizierà presto a rendersi conto che sua figlia Emilia sta nascondendo qualcosa e cerca di capire cosa sia. Donna Francisca chiede a Don Anselmo di indagare sul passato di Pepa e così l’uomo viene a scoprire che la ragazza è la madre naturale di Martin. Juan, con l’aiuto dei fratelli, riesce a dissotterrare il cadavere del padre di Soledad ma Tristan trova casualmente l’orologio del defunto nelle terre vicino le sorgenti e si insospettisce.

Il Segreto, dove eravamo rimasti

Ecco dove eravamo rimasti nelle ultime puntate de Il Segreto. Francisca aggredisce sua figlia Soledad dopo che ha scoperto il suo ritratto nuda, realizzato da Juan. La ragazza dice alla madre di essersi concessa a lui perché lo ama e si sente sua, scatenando le ire della Montenegro che decide di punirla e fustarla a sangue. Emilia cerca di consolare Pepa e la aiuta a lavarsi. Le dice, poi, che ha saputo che la valigetta di Don Julian è nell’ufficio del sindaco, sotto chiave. Emilia racconta all’amica che ha ricevuto una visita di Pardo che le ha proposto di cancellare il debito di Raimundo se lei accetterà di andare a letto con lui. Pepa è sconvolta e prova a far desistere l’amica da questa idea ma Emilia è davvero disperata. Mariana, chiamata nella stanza di Soledad, verrà a sapere di cosa la Montenegro ha fatto a sua figlia e chiede alla giovane se è stato a causa di suo fratello. Soledad conferma questa ipotesi ma la prega di non parlarne con nessuno. Pepa, presa dai sensi di colpa per la morte di Leandro, chiede a Tristan di impegnarsi per trovare un medico che possa sostituire Don Julian. L’uomo promette che lo farà se lei andrà a pranzare con Martin che chiede sempre di lei. La ragazza accetta. Angustias, invece, grazie ai consigli di un’altra paziente del manicomio riesce a fingere di stare meglio e persuade il medico che la ha in cura a permetterle di tornare a casa. Viene così avvisato Tristan di passare a prenderla.

Don Anselmo parla con Pedro a proposito delle celebrazioni per la festa padronale. Il sindaco vuole investire del denaro per organizzare la festa ma la parrocchia non ha fondi a sufficienza per poter organizzare la celebrazione visto che ha investito tutto nella riparazione del tetto della chiesa. Hippolito chiede di nuovo a Emilia di sposarlo ma la ragazza, capendo che il ragazzo questa volta fa sul serio, gli dice chiaramente che non vuole stare con lui. Quando il ragazzo si confida con la madre, la donna lo esorta a non arrendersi perché spesso le donne rifiutano in prima battuta come tecnica. Francisca offre a Pepa dei soldi per l’impegno con il quale ha curato i suoi operai. Pepa rifiuta il denaro e dice alla donna che preferisce che lei dica a Tristan che non ha alcuna colpa per il ricovero di Angustias. Poi Pepa va in cucina dove Rosario le chiede se sa come mai Soledad è da un giorno rinchiusa nella sua stanza. Francisca va a trovare Raimundo per offrirgli dei soldi per comprare i suoi terreni, avendo saputo che è in crisi economica. L’uomo si rifiuta di cedere al ricatto e, parlando con la donna, si rende conto che sa dei particolari che può sapere solo chi lo ha aggredito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA