FEDERMACCHINE/ Le proposte al futuro governo per il rilancio del manifatturiero

- La Redazione

Il Consiglio Direttivo di Federmacchine ha ufficializzato il documento intitolato “Suggerimenti per il nuovo governo. Linee essenziali di azione a supporto dell’industria italiana

industria_lavoro_r439
Industria in lombardia (Infophoto)

Il Consiglio Direttivo di Federmacchine, la federazione che rappresenta i costruttori italiani di beni strumentali, si è riunito questa mattina e ha ufficializzato il documento intitolato “Suggerimenti per il nuovo governo. Linee essenziali di azione a supporto dell’industria italiana”. Attraverso il rapporto stilato recentemente, si intende presentare un articolato programma di interventi con l’obiettivo di favorire e incentivare l’attività di sviluppo delle imprese manifatturiere italiane. Il documento è stato poi inviato al presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e ai candidati alle prossime elezioni politiche. All’interno del rapporto sono presentate misure e proposte concrete studiate dalla federazione che rappresenta un settore, quelle del bene strumentale, che conta 3.300 imprese, 141.000 addetti per un fatturato complessivo risultato pari a 28 miliardi di euro. Tra le misure suggerite da Federmacchine vi sono in particolare: l’introduzione del provvedimento che permette la riduzione del pagamento dell’IRAP sul personale per una percentuale pari alla quota di produzione destinata ai mercati stranieri; la liberalizzazione delle quote di ammortamento, le cui aliquote vanno comunque attualizzate, misura che non inciderebbe, nel medio termine, sulle casse dello Stato, poiché il implicherebbe soltanto la traslazione degli incassi per l’erario; e un rinnovato provvedimento sul modello della legge 1329/65 (legge Sabatini) che molto ha concorso all’industrializzazione del Paese. Il Consiglio direttivo della Federazione, inoltre, a cui aderiscono dodici associazioni di categoria in rappresentanza dei principali comparti del bene strumentale, ha sottolineato all’attenzione di coloro i quali si apprestano a governare la necessità di operare sempre più intensamente con i colleghi dell’Unione per sensibilizzare la BCE verso una politica monetaria più favorevole al made in Europe, attualmente penalizzato dal cambio sfavorevole con le principali monete, prima fra tutte il dollaro. 

Le misure ipotizzate dal Consiglio Direttivo di Federmacchine, la federazione che rappresenta i costruttori italiani di beni strumentali, sono state raccolte nel documento intitolato “Suggerimenti per il nuovo governo. Linee essenziali di azione a supporto dell’industria italiana”, succesivamente inviato al presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e ai candidati alle prossime elezioni politiche. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori