China-South Asia Expo/ Artimondo, qualità e bellezza dell’artigianato italiano in Cina

- La Redazione

Nel padiglione 10 l’unica presenza italiana ed europea nella fiera di Kunming. Tema della rassegna: Amicizia, sincerità, beneficio reciproco inclusività e una cooperazione vincente per tutti

Antonio_Intiglietta_gefi
Antonio Intiglietta alla fiera Kunming

Con Artimondo Italian Lifestyle Experience la qualità e la bellezza dell’artigianato Made in Italy saranno protagoniste della quarta edizione della “China-South Asia Expo” (CSA Expo) e della ventiquattresima “Kunming Import and Export Fair”. Le manifestazioni, che si terranno fino al 17 giugno, sono incentrate sul tema “Amicizia, sincerità, beneficio reciproco, inclusività e una cooperazione vincente per tutti”.

Artimondo Italian Lifestyle Experience, unica presenza italiana ed europea (hall 10, booth 41-64), offrirà ai visitatori e ai buyers la possibilità di conoscere e di acquistare i prodotti unici del food, del fashion e del furniture delle migliori tradizioni italiane: Food: olio, pasta, conserve, confetture, dolci, vino, liquori accompagnati da una certificazione di provenienza e genuinità delle materie prime e dalle modalità di utilizzo in cucina. Fashion e salute&bellezza: abiti, camicie, maglie in cashmere o in lana, giacche, scarpe, cinture in pelle, gioielli, bijoux, cosmetici con ingredienti estratti da erbe officinali e naturali. Furniture: arredi dal design innovativo, realizzati da maestri artigiani con materie di prima qualità. Mobili e i complementi d’arredo curati nei minimi dettagli, che danno un tocco di gusto alla propria casa.

Nel corso dei primi due giorni della manifestazione, riservata agli operatori del settore, i buyer e gli investitori cinesi interessati al concept italiano del “ben fatto”, del “bello e del buono” si imbatteranno in una proposta di location del tutto originale: l’esposizione dei prodotti dei diversi settori (in cui tutto – compreso i mobili e i tavoli che espongono i prodotti – è acquistabile!), la proiezione delle immagini delle bellezze naturali e architettoniche dei paesaggi italiani e della nostra musica, i filmati in continuo dei laboratori artigianali al lavoro e una degustazione dei piatti italiani attraverso cooking show permanenti.

I buyer potranno acquistare e ordinare i prodotti che selezioneranno. Questa modalità originale di presenza rappresenta anche una prima suggestione di ciò che proporremo: la possibilità di realizzare Store in location caratterizzate da una forte affluenza di pubblico (vie dello shopping, shopping mall, stazioni ferroviarie, aree duty free degli aeroporti). Lo Store, che prevede un’area espositiva e di vendita di prodotti food, fashion and furniture, una caffetteria, pasticceria e gelateria, un Italian restaurant bistrot- pizzeria e pasta e un Italian restaurant gourmet, permetterà ai consumatori cinesi di vivere un angolo di “Italian Experience”.

Tutto questo i consumatori finali cinesi potranno direttamente sperimentarlo negli ultimi quattro giorni della fiera, a loro dedicati: la grande qualità italiana a prezzi accessibili.

Artimondo Italian Lifestyle Experience è promosso da Ge.Fi. – Gestione Fiere Spa per promuovere e portare nel mondo i prodotti di qualità artigianale italiana.

“È la prima volta in assoluto che in una fiera internazionale di tutto il mercato cinese e del sud-est asiatico viene rappresentata una così folta esposizione della originalità, della qualità e della cultura del lavoro dell’Artigianato autentico italiano – dichiara il presidente di Ge.Fi. – Gestione Fiere Spa,Antonio Intiglietta – l’imponente lavoro fatto dallo staff di Ge.Fi. in collaborazione con i nostri artigiani segna l’inizio di un cammino in cui rendiamo finalmente possibile, con i fatti, un vero processo di internazionalizzazione delle imprese artigiane”.

“Attraverso questo lavoro – prosegue Intiglietta – desideriamo anche intensificare la collaborazione con le delegazioni cinesi che già partecipano ad Artigiano in Fiera fino a generare un vero e proprio rapporto di amicizia, alla base di ogni solido rapporto anche economico. Con grande umiltà ci riconosciamo pienamente nel solco della profonda storia che unisce l’Italia e la Cina dai tempi di Marco Polo e del grande missionario Matteo Ricci”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori