Incidente Siracusa: morti due giovani, 3 feriti/ Violentissimo impatto con un pilone

- Davide Giancristofaro Alberti

Incidente Siracusa: morti due giovani, 3 feriti. Scontro avvenuto ad Ortigia: un’auto con a bordo cinque ragazzi giovanissimi è finita contro un pilone

Turista investita e uccisa
Ambulanza (LaPresse, 2019)

Gravissimo incidente stradale avvenuto nelle scorse ore in provincia di Siracusa: il bilancio è di due morti e di tre feriti. Come succede spesso e volentieri in questi casi, le vittime sono dei giovanissimi, visto che sull’auto viaggiavano ragazzi di età compresa fra i 17 e i 22 anni. Stando a quanto specificato dai colleghi di TgCom24, nell’edizione online, lo schianto è avvenuto poco dopo le ore 4:00 della notte appena passata, quella fra venerdì 6 e sabato 7 dicembre, in località Ortigia, sul lungomare Vittorini (centro storico). L’automobile su cui viaggiava il gruppo, per cause ancora da accertare, ha terminato la propria corsa contro uno dei piloni che sorreggono gli archi del Belvedere San Giacomo, e l’impatto è stato violentissimo. Morti pressoché sul colpo i due giovani di cui sopra, mentre gli altri feriti hanno riportato contusioni varie.

INCIDENTE SIRACUSA: I TRE FERITI SONO STABILI

Le forze dell’ordine stanno indagando per ricostruire con esattezza la dinamica dello schianto, e non è da escludere un colpo di sonno, ma anche un guasto tecnico, l’alta velocità, o la distrazione. Una volta lanciati i soccorsi, si sono recati sul posto i vigili del fuoco, che hanno estratto non a fatica i cinque occupanti del mezzo, e due di loro sono apparsi subito in condizioni disperate: trasportati d’urgenza presso l’ospedale locale, con gravissime lesioni fra cui la rottura dell’aorta, sono morti poco dopo il ricovero. Gli altre sono invece in condizioni stabili e non sarebbero in pericolo di vita. Il gruppo si trovava a bordo di una Ford Fiesta e stava facendo ritorno a casa dopo aver passato la serata in uno dei locali della zona. Scene di disperazione all’ospedale, dove sono accorsi i genitori delle due vittime, nonché amici e parenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA