Ivano Marescotti vs Lega/ Video “Partito neofascista e xenofobo”: replica di Salvini

- Carmine Massimo Balsamo

Ivano Marescotti, appello al voto in vista delle elezioni in Emilia-Romagna: “C’è il rischio che vinca la Lega di Salvini, che è un bullo”.

Ivano Marescotti
Ivano Marescotti

Tra gli artisti più impegnati a livello politico, Ivano Marescotti torna a mettere nel mirino la Lega. Noto per il suo pentimento di aver votato il Movimento 5 Stelle, l’attore ha pubblicato un video su Facebook per esortare gli emiliani ad andare a votare alle elezioni regionali del prossimo 26 gennaio 2020: «Mi rivolgo agli elettori dell’Emilia-Romagna che andranno a votare il 26 gennaio: questa volta bisogna andare a votare perché c’è il rischio che vinca la Lega di Salvini, con la Bergonzoni (Borgonzoni, ndr) che diventerà presidente dell’Emilia-Romagna. Voi ve lo immaginate? Io non me lo immagino». Ed è netta la posizione contro il partito guidato da Matteo Salvini: «Non bisogna votare per il meno peggio, ma bisogna votare contro la cosa peggiore che possa capitare: essere governati dai leghisti, uno dei peggiori partiti neofascisti, razzisti, xenofobi europei. Quindi per favore andate a votare, poi faremo i conti con Bonaccini».

IVANO MARESCOTTI VS LEGA, LA REPLICA DI SALVINI

Ivano Marescotti ha poi rincarato la dose ai microfoni de La Zanzara: «Matteo Salvini è razzista, xenofobo e cialtrone. Noi siamo in una situazione in cui se dovesse vincere un politico come Salvini, sarebbe una cosa abbastanza pericolosa». E cosa ne pensa dell’ex ministro dell’Interno dal punto di vista umano? «E’ meglio che non lo dico, perchè altrimenti corro il rischio di essere denunciato. Come dice qualcuno, se fosse in una scuola elementare, Salvini sarebbe considerato un bullo». Non è tardata ad arrivare la replica del segretario federale della Lega, che su Facebook ha risposto: «Il “democratico” attore romagnolo Marescotti: “Lucia Borgonzoni e la Lega? La cosa peggiore che possa capitare. Un partito neofascista, xenofobo e razzista”. A sinistra rimangono solo insulti e offese. Hanno paura perché sentono che dopo 50 anni la sconfitta è vicina. Avanti tutta!!!».



© RIPRODUZIONE RISERVATA