Jgor Barbazza e Linda Collini/ Figlio in arrivo: “In 3 sarà meraviglioso”

- Elisa Porcelluzzi

Jgor Barbazza e Linda Collini, protagonisti della soap opera Centovetrine, stanno stanno insieme da undici anni e ora aspettano il loro primo figlio.

Jgor Barbazza e Linda Collini (
Jgor Barbazza e Linda Collini (Instagram)

Jgor Barbazza e Linda Collini si sono conosciuti sul set di Centovetrine. Nella soap opera lui indossava i panni di Damiano Bauer mentre lei era Cecilia Castelli, protagonisti di una una travolgente love story che ha superato anche i confini della finzione. I due attori si sono innamorati e sono subito andati a vivere insieme: quest’anno festeggiano l’undicesimo anno insieme. A inizio anno Jgor Barbazza e Linda Collini hanno annunciato l’arrivo del loro primo figlio: “Perché in 2 è bello ma in 3 sarà meraviglioso… (l’avevo detto che ci saremo divertiti in questo 2021”, ha scritto Linda Collini su Instagram pubblicando una foto di lei e Jgor in bianco e nero. La gravidanza è ormai agli sgoccioli: il parto di Linda è infatti previsto per metà febbraio, come ha raccontato la coppia a “Tv Mia”. L’attrice ha scoperto di essere incinta durante il primo lockdown italiano e non ha avuto particolati disturbi, solo un po’ di nausea e tanto sonno. I due non hanno svelato il sesso del bambino, né tantomeno il nome.

Jgor Barbazza e Linda Collini: primo figlio in arrivo per gli attori di Centovetrine

Centovetrine ha chiuso i battenti da ormai cinque anni, ma Jgor Barbazza e Linda Collini continuano a lavorare nel mondo dello spettacolo. Lui è stato protagonista di fiction di successo come “Don Matteo”, “Sacrificio d’Amore” e “Provaci ancora Prof”. È apparso anche in alcune soap: ha interpretato il malvagio Oscar Bacchini, marito di Clelia Calligaris, nella terza stagione de “Il Paradiso delle Signore”; mentre in “Un posto al sole” è stato il fisioterapista Daniele Improta. Linda Collini invece si è invece dedicata prevalentemente al teatro e al doppiaggio. Nel mese di novembre si è laureata, come annunciato sui social: “Discutere la tesi davanti ad un pc non porta con se le stesse emozioni e capisco i ragazzi che non vedono l’ora di tornare sui banchi di scuola a poca distanza dai propri compagni. In questa situazione, però, a tutti noi sono richiesti dei sacrifici e questi sono i nostri… ed è poca cosa. Quindi ragazzi andate avanti e provateci fino in fondo. Perché non succede ma se succede (anche se succede dalla vostra cucina ) è meraviglioso”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA