Laura Ziliani, i vicini: “Che rumori quella notte!”/ “Le figlie volevano suicidarsi…”

- Alessandro Nidi

Laura Ziliani, spunta la testimonianza dei vicini di Temù, che però non hanno ancora parlato con gli inquirenti: “Non abbiamo chiuso occhio”

Paola e Silvia Zani Mirto Milani 640x300
Paola e Silvia Zani e Mirto Milani (Ore 14, 2021)

Del caso di Laura Ziliani si è tornati a parlare nel corso della trasmissione “Ore 14”, andata in onda nel pomeriggio di oggi su Rai Due e condotta da Milo Infante. Subito è stata diffusa una notizia, raccolta in esclusiva dall’inviata Nicole Di Giulio: “Abbiamo ascoltato due testimoni che non hanno ancora parlato con gli investigatori. Si tratta di vicini di casa di Laura a Temù, in via Ballardini, le cui pareti sono attaccate a quelle della ex vigilessa uccisa. Quella notte tra il 7 e l’8 maggio hanno riferito di avere udito rumori anomali e di non essere neanche riusciti a dormire. Hanno detto di non avere parlato con gli inquirenti perché è passato troppo tempo e hanno paura di finire nei guai”.

Una pista che, a questo punto, meriterebbe di essere approfondita, visto e considerato che il lasso temporale riferito dai vicini coincide con le tempistiche dell’uccisione della Ziliani. Non è tutto, però: Silvia e Paola Zani, le due figlie di Laura indagate per la sua morte con Mirto Milani (fidanzato di Silvia), il 5 luglio, una settimana dopo la loro iscrizione nel registro degli indagati, avrebbero iniziato ad accusare problemi psichiatrici e intenti suicidari. In particolare, avrebbero tentato due volte il suicidio.

LAURA ZILIANI: I RICOVERI IN OSPEDALE DELLE FIGLIE

Su questo secondo aspetto, Nicole Di Giulio ha riferito che “Ore 14” ha una fonte certa dalla quale questa storia è venuta a galla con prepotenza: “Nella prima circostanza, le due sorelle sarebbero salite sulla Torre dei francesi del castello di Brescia tentando di buttarsi di sotto, poi avrebbero desistito. La seconda volta, invece, avrebbero provato a togliersi la vita nell’ufficio del loro legale, quando quest’ultimo ha paventato loro la possibilità dell’arresto”.

I loro parenti avrebbero chiamato il 118 e sarebbe giunta in loco una sola ambulanza, che le avrebbe trasportate agli Spedali Civili di Brescia, ove i medici avrebbero optato per il ricovero. Silvia sarebbe stata una settimana in degenza a Brescia, mentre Paola, la sorella più piccola, sarebbe stata trasferita per carenza di posti al nosocomio di Montichiari per ben due settimane.



© RIPRODUZIONE RISERVATA