LETTURE/ “Nibelli Zontro”, i libri possono cambiare la nostra vita

- Silvia Stucchi

L’ultimo libro di Roberto Tiraboschi racconta l’incontro di due giovani nella scuola italiana, e di come certi libri possano spalancare un nuovo mondo

sondaggi politici
(LaPresse)

Metti una cittadina nella provincia profonda, anzi, una meta turistica un tempo di moda, distante dal capoluogo una manciata di chilometri, che però bastano a portarti in un altro mondo: un mondo dove ci sono solo boschi, mulattiere, vacche e pascoli; dove i cellulari non hanno mai campo, dove il Wi-Fi è un miraggio, e per i ragazzi le sole occasioni di svago sono l’oratorio o una vecchia sala giochi.

Metti un istituto alberghiero, classe 1C: lì si incontrano Rossa, detta “tette grosse” per ovvi motivi, e che ha avuto in sorte il suo nome in forza della passione sfrenata del padre per la Ferrari, e Maffeo Tassoni, un ragazzo strano, “che confonde le parole” perché dislessico, e che vive solo con la madre, originaria di un’altra regione d’Italia, in una cascina isolata.

Manco a dirlo, i due non si sopportano, ma presto dovranno passare molto tempo insieme: ecco, in sintesi, la trama di Nibelli Zontro. Storia di Rossa tette grosse e Maffeo che confondeva le parole (Giunti, 2019) di Roberto Tiraboschi.

Bergamasco, autore e formatore teatrale, Tiraboschi insegna a Ca’ Foscari al Master in Fine Arts, e ambienta la sua storia nelle valli poco sopra Bergamo; e se, nel racconto, affidato alla voce narrante di Rossa, i nomi sono un po’ modificati, chi conosce e ama quei luoghi non può non riconoscerli, grazie alle bricioline di pane disseminate dall’autore: una cittadina all’imbocco di una valle con un istituto alberghiero, i portici, la pasticceria-gelateria del Bigio, il fiume che costeggia l’abitato … Ma ciò che conquista chi cade in questo romanzo che cattura sin dalle prime pagine è la storia, profonda nella sua apparente semplicità.

Tutto inizia il primo giorno di scuola: Rossa è finita all’alberghiero senza entusiasmo, perché “è una scuola che dà un lavoro sicuro”, a detta del padre. Certo, la ragazza, all’apparenza menefreghista e strafottente, non si sente all’altezza del fratello maggiore, il genio di famiglia, che frequenta ingegneria a Milano col sogno di entrare in Ferrari, e che ogni settimana torna a casa onusto di gloria e di voti dal 28 in su.

Oltre allo stupore di trovarsi in classe quello strambo di Maffeo, Rossa ha anche un’altra pessima sorpresa: un professore di italiano particolare, metodico, e strano: che significano gli oggetti disposti sulla cattedra in assoluto silenzio prima di iniziare lezione, come in un rituale? In particolare, che senso hanno quelle forbicine coi manici gialli, più adatte a un bambino che a un professore di lettere? E la scatola di pastelli che un giorno gli cade dalla borsa?

Bellini ha una fissa: il Medioevo e Dante (all’alberghiero, poi!); presto, rendendosi conto delle difficoltà di Maffeo, che non ha un pc, chiede a Rossa di aiutarlo a studiare, usando i programmi specifici per i dislessici. La ragazza accetta senza entusiasmo, perché spera di ingraziarsi il professore e di sfangare la sufficienza in italiano, ma l’antipatia per Bellini resta forte. Sì, perché Tiraboschi ha il buonsenso di non cadere nella facile trappola dell’idealizzazione: non ci presenta un professore estroso, comunicativo, trascinante come il John Keating dell’Attimo fuggente; piuttosto, Bellini è grigio, cupo, persino scostante, e la sua estrema discrezione sembra celare un segreto. Che Rossa scopre con un veloce giro su Google: il professore è stato accusato di pedofilia da due studenti della scuola dove insegnava in precedenza, a Bologna. Chiesto il trasferimento, è stato catapultato in quell’istituto a centinaia di chilometri di distanza da casa, e anche se è stato assolto in primo grado, ora deve aspettare il secondo grado di giudizio.

Purtroppo la notizia si diffonde anche nelle altre famiglie, ed allora è il putiferio: petizioni di genitori contro Bellini, che chiede un periodo di aspettativa, mentre nel frattempo Rossa e Maffeo continuano a studiare insieme esercitarsi nella lettura con Il buio oltre la siepe: Rossa legge ad alta voce per l’amico e scopre, lei che non aveva mai preso in mano un libro, che i personaggi di quelle pagine si animano, vivono con noi, ci possono accompagnare nella nostra vita. Il romanzo di Harper Lee non è scelto a caso: non solo nella vita di Bellini ha avuto un ruolo, anche Tiraboschi con il suo racconto insegna a guardare al cuore delle persone e delle situazioni, e a fare la tara ai pregiudizi.

E il Nibelli Zontro del titolo chi è? Leggete per bene e scoprirete da dove venga questo strano nome.

© RIPRODUZIONE RISERVATA