L’INTERVISTA/ Gilbert: noi o un pulcino, così il sublime spalanca gli orizzonti

- int. Scott F. Gilbert

Scott Gilbert, biologo di fama mondiale e storico della scienza, è intervenuto al Meeting 2020. Lo abbiamo intervistato

ricerca_scienza_laboratorio_cellule_fecondazione_lapresse_2018
Laboratorio (Foto: LaPresse)

Il filosofo che ha dato il titolo al Meeting 2020, Joshua Heschel, parlava di radical amazement, stupore radicale di fronte alla realtaà, e il biologo Scott Gilbert lo traduce così: “svegliarsi e guardare il mondo in modo non scontato”. Questa non scontatezza Gilbert l’ha testimoniata e documentata intervenendo al Meeting sul tema “Essere fatti come un prodigio: la meraviglia dell’interdipendenza” nell’ambito degli eventi legati alla mostra “Essere viventi” curata da Associazione Euresis in collaborazione con Camplus.

Scott F. Gilbert è professore emerito di Biologia presso il Swarthmore College e presso l’Università di Helsinki; è laureato in biologia, religione e storia della scienza e si occupa di genetica dello sviluppo, embriologia e storia e critica della biologia. È il fondatore della biologia che studia il meccanismo di crescita e sviluppo dei viventi e in particolare ha riconosciuto e studiato il carattere “relazionale” di tale meccanismo; il suo intervento al Meeting è stato un denso e suggestivo viaggio proprio intorno a questa idea base: “Ogni organismo diviene sé stesso grazie a ciò che è altro da sé”. Ilsussidiario.net lo ha incontrato.

Quali sono stati i passi più significativi compiuti dalla scienza per comprendere il fenomeno della “vita”?

Penso che ci fossero diversi passaggi importanti, la maggior parte avvenuti alla fine del 1800: 1. La nozione di cellula come unità di vita; siamo raccolte di cellule; 2. La nozione di metabolismo, e cioè che gli esseri viventi rimangono gli stessi solo cambiando le nostre parti componenti; 3. Integrazione ecologica. Quella della fotosintesi delle piante e della respirazione di tutti gli organismi lega insieme gli esseri viventi. Il ciclo di carbonio, ossigeno, fosforo, consente alla morte di un organismo di diventare cibo per altri; 4. Evoluzione. Quelle specie non sono costanti; che i cambiamenti nello sviluppo possono causare cambiamenti nelle strutture e nella funzione degli adulti; inoltre la selezione naturale consente la messa a punto degli organismi per l’ambiente che cambia; 5. Genetica: c’è una particolare molecola che è la base fisica dell’ereditarietà da una generazione all’altra e ci sono certe leggi a cui queste molecole obbediscono; 6. Sviluppo: gli organismi hanno un ciclo vitale e gli organi complessi dell’individuo hanno la loro origine in unità semplici come l’uovo fecondato; 7. Simbiosi: gli animali non sono entità autonome e ogni animale o pianta “individuale” è un complesso consorzio di specie. La simbiosi è fondamentale per mantenere l’ossigeno e l’azoto fisso nell’aria, l’acqua negli oceani e il suolo sulla terra.

La conoscenza delle strutture molecolari e dei processi biochimici che determinano gli esseri viventi è notevolmente aumentata negli ultimi decenni, tanto che si ritiene che gli organismi viventi possano essere spiegati con gli stessi principi e leggi con cui viene spiegata qualsiasi entità naturale inanimata. Condivide questo approccio?

Gli esseri viventi sono prodotti della fisica e della chimica e devono obbedire a queste leggi. Tuttavia, ora ci sono principi di proprietà emergenti che vengono scoperti nell’origine, nello sviluppo e nell’evoluzione della vita. In altre parole, ci sono più leggi della fisica e della chimica di quelle studiate da quelle discipline. Gli esseri viventi hanno usato le leggi della fisica a nuovi fini. Nelle cellule si hanno lipidi e proteine. Questi formano una membrana semipermeabile che consentirà agli ioni di potassio di entrare e manterrà gli ioni di sodio fuori. Nessuna proteina o lipide da sola ha questa capacità. Esiste una scienza delle relazioni oltre a una scienza delle entità. La fisica può spiegare le funzioni del cuore; ma non può spiegare l’evoluzione o lo sviluppo del cuore. Sono implicate molte possibilità e le proprietà delle cellule che inizialmente potrebbero non essere state importanti possono diventare importanti quando si formano i muscoli cardiaci e le valvole. Quindi la biologia non può essere riducibile alla fisica; ma non può mai sfuggire alla fisica. Stiamo solo esplorando la fisica dietro questa scienza delle relazioni.

Cosa hanno in comune gli esseri viventi? Cosa distingue un organismo vivente da una macchina? Quali aspetti o fenomeni dobbiamo guardare per capire cosa significa “essere vivi”?

Una delle cose critiche che gli organismi condividono che la macchina non ha è il “metabolismo”. Il metabolismo è la capacità di rimanere costante cambiando le parti. Tu mangi; poi espelli. Le molecole nel tuo corpo oggi non sono le stesse degli atomi che erano nel tuo corpo di ieri. Una pietra non può farlo. Se cambia i suoi composti, è una pietra diversa. Quindi siamo sia entità che processi. Il mondo passa attraverso di me come io passo attraverso il mondo. L’ereditarietà è la trasmissione di simili forme di metabolismo di generazione in generazione. Il Dna dei nostri genomi codifica le proteine della nostra struttura e del nostro metabolismo. La vita è come un vortice o un’onda: si può indicarli come un’entità; ma le sue parti continuano a cambiare. Ma la vita è un’onda che può creare più onde. Anche la replica è una parte importante della vita; ma penso che la conditio sine qua non sia il metabolismo. Inoltre, la vita è diversa dalle macchine perché le macchine non funzionano finché tutte le loro parti non sono al loro posto. Gli animali devono funzionare mentre costruiscono le loro parti! Dobbiamo respirare prima di avere i polmoni. Dobbiamo nutrirci mentre costruiamo il nostro stomaco!

Ogni essere vivente ha una sua identità ma allo stesso tempo non può esistere senza legami e relazioni con gli altri: come stanno insieme autonomia e dipendenza?

L’autonomia è sempre legata a una dipendenza. Il parto, ad esempio, non è la creazione di un “individuo”. È il mantenimento della comunità. Passiamo da una relazione simbiotica (quella con la madre) a un’altra (quella con i microbi). Penso che stiamo appena iniziando a esplorare la profondità di ciò che i nostri microbi potrebbero fare per ciascuno di noi. Penso che la metafora di “squadra” sia importante. Una squadra è un’entità. Ma dipende dai rapporti tra i singoli giocatori. Siamo ognuno una squadra. Sono il Team Scott Gilbert. Mi piace pensare alla mia parte umana eucariotica come al capitano; ma alcuni giocatori potrebbero non essere d’accordo.

Nell’uomo c’è una continuità naturale con tutti gli altri esseri viventi che però convive con il mistero della sua radicale diversità. Dove emergono gli aspetti principali di questa originalità e come vengono spiegati e come si conciliano continuità e diversità?

Penso che tu ti stia chiedendo: in che modo gli esseri umani sono “eccezionali”? Cosa rende gli esseri umani diversi da qualsiasi altro organismo? Penso che gli esseri umani differiscano dagli altri organismi per quantità, non per qualità. Tuttavia, come insistono i filosofi dialettici, c’è un punto in cui la quantità di qualcosa supera una soglia e diventa una qualità diversa. Per gli esseri umani, penso che un tratto distintivo importante che caratterizza gli esseri umani sia la nostra capacità di fantasticare – immaginare qualcosa che non esiste, non è mai esistito e potrebbe non esistere mai. Questo ci consente di pianificare. Per pianificare, bisogna immaginare cose possibili che non sono mai accadute. Se percorro questa strada, potrei arrivarci più velocemente, ma probabilmente incontrerò i leoni. Se percorro quella strada, potrei essere più lento, ma più sicuro. Se prendo questo lavoro, la mia vita sarà più felice che se prendo quell’altro lavoro. Se obbedisco alle regole, non subirò i tormenti dell’inferno. Questa capacità di fantasticare e pianificare è il fondamento di ogni aspetto della nostra civiltà. Ogni persona è unica per la combinazione di geni nelle sue cellule e la raccolta di simbionti nel suo copro. Ogni persona è biochimicamente unica.

Può uno scienziato essere privo di meraviglia (penso al titolo del Meeting)? In che modo la dimensione dello stupore entra nell’esperienza della ricerca scientifica?

Sfortunatamente, uno scienziato, come qualsiasi altra persona, può essere privo di meraviglia. Penso che sia più difficile per i biologi essere privi di meraviglia, dal momento che ne siamo esposti così spesso. Ma, poi di nuovo, possiamo abituarci, come dice Heschel, fino a diventare una delle cause del nostro essere sordi al sublime. Temo anche che gli scienziati, come molti altri, possano cercare gli aspetti della sublimità nella tecnologia. E il mondo diventa allora un meccanismo incredibilmente complicato. Penso che questo sia molto più superficiale della meraviglia anche di una cellula batterica; ma siamo costantemente esposti alla pubblicità sulle meraviglie della tecnologia e vediamo sempre meno la natura. Come embriologo, mi aspetto di incontrare la meraviglia ogni giorno. Il modo in cui una singola cellula cambia i diversi organi di un essere umano, un pulcino o una zanzara è assolutamente sbalorditivo. Scrive il biologo e poeta Miroslav Houb: “Tra il quinto e il decimo giorno la massa di cellule staminali si differenzia nel piano di costruzione generale dell’embrione e dei suoi organi. È come un pezzo di ferro che si trasforma in una navetta spaziale. In effetti, è la meraviglia più profonda che possiamo immaginare e accettare, e allo stesso tempo così usuale che dobbiamo sforzarci di interrogarci sulla meraviglia di questa meraviglia”. La meraviglia è ancora una forza motivante per le persone a diventare embriologi e per altre scienze. E man mano che impariamo di più sull’embrione, la nostra meraviglia aumenta. E lo stupore suscita stupore e curiosità. Dalla soggezione, otteniamo riverenza e saggezza religiosa; e dalla curiosità si ricava filosofia e conoscenza scientifica. La religione e la scienza sono entrambe fondate sulla meraviglia.

(Mario Gargantini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA