Live Non è la D’Urso/ Pamela Perricciolo fa un passo indietro, Marco Carta chiarisce

- Fabiola Iuliano

A Live Non è la D’Urso le dichiarazioni di Pamela Perricciolo, reduce dal Pamela Prati-Gate, e di Marco Carta.

Il Sussidiario.net
Barbara d'Urso

Ancora un grande successo per Live Non è la D’Urso, che dopo un inizio di stagione incerto è riuscito a risalire la china guadagnandosi un posto nel cuore dei telespettatori. Complice di questo straordinario trionfo, un chiacchieratissimo Pamela Prati-gate giunto esattamente nel pieno della programmazione, che ha incuriosito il pubblico conquistandolo puntata dopo puntata. Ma in questo ormai imminente finale di stagione, sia della fiction su Pamela Prati che del programma di Barbara D’urso, la Carmelita della tv ha fatto il colpaccio conquistando, con un vero colpo da maestra, un’esclusiva sul nuovo caso più chiacchierato del web, quello del presunto furto messo a segno alla rinascente e per il quale, in un primo momento, è stato accusato Marco Carta. In una breve apparizione in diretta, l’ex vincitore di Amici ha smentito la testimonianza della guardia giurata, oltre a quei filmati “inequivocabili” che il noto brand di grandi magazzini dichiara di avere in suo possesso. Da che parte sta la verità? Barbara D’Urso ha dato a Marco Carta appuntamento a settembre, confermando – di fatto – il ritorno del suo fortunato programma serale nei palinsesti di Canale 5.

“Mark Caltagirone? C’era una persona che…”

Pamela Perricciolo ha negato di aver organizzato la messinscena matrimonio tra Mark Caltagirone e Pamela Prati. E sui contatti che il finto sposo della showgirl avrebbe avuto via sms con la conduttrice di Live – Non è la D’Urso, l’ex agente della Aicos ha spiegato: “c’era una persona, è venuto da me quattro volte, poi mi ha detto che voleva investire, mi ha detto fai da tramite e noi abbiamo provato a chiedere quanto costano le pubblicità entro Mediaset”. Sull’identità del misterioso imprenditore che ha fatto innamorare Pamela Prati, invece, ha affermato: “io da Pamela in poi non l’ho più visto. Sono venuta qui la prima volta, poi non sono più venuta perché ho capito che la cosa stava precipitando e io e Eliana eravamo preoccupate per questa cosa […]”. Le prime stranezze? “Quando io dicevo ad Eliana che Pamela parla di determinate cose – ha spiegato la Perricciolo – mi sembrava tutto un po’ strano, l’avremmo visto”; e sui disegni dei bambini, mostrati diverse volte in tv, svela che sarebbero stati consegnati via chat a Eliana dal finto Caltagirone. Ma chi glieli avrebbe mandati? “Non lo so”, ha confermato la Perricciolo, mentre Barbara D’Urso la incalzava: “Pamela ha detto che il bambino l’ha dato a te”. Solo tante bugie nella confessione di Donna Pamela?

“Mi fa male che abbia detto delle gocce”

“Eliana non c’entra proprio niente secondo me”: Pamela Perricciolo ha fatto un passo indietro e a Live non è la D’Urso ha preso le difese di colei che le è stata accanto per oltre dieci anni. “Dire ‘ho paura di Pamela Perricciolo‘ – ha spiegato l’ex agente – mi fa ridere perché abbiamo abitato dieci anni insieme, i miei nipoti la chiamano zia”. A rendere più saldo quel legame oggi del tutto in frantumi, anche un tatuaggio: “Mi sono tatuata ‘sorelle’ perché per me era una sorella – ha spiegato la Perricciolo – la cosa che mi ha fatto tanto male è che ha detto di aver denunciato i miei genitori, che non c‘entrano nulla. E mi fa male che abbia detto delle gocce”. L’ex Agente si è indignata soprattutto per quelle foto che dimostrerebbero suoi presunti tentativi di suicidio: “In dieci anni, io e mia sorella… sai quante cose potrei pubblicare io? La foto (che la Michelazzo ha mostrato a Barbara D’Urso, ndr)? Avevo una forbice, ok. […] Quando ho preso le gocce non era per morire, le ho prese perché ho detto ‘almeno dormo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA