Lorenzo Flaherty a processo dopo un incidente/ Travolto motociclista, per la Procura l’attore correva troppo

- Giovanna Tedde

Lorenzo Flaherty a processo dopo un incidente stradale in cui avrebbe travolto un motociclista: secondo la Procura, l'attore "correva troppo", il fatto nel 2022

Lorenzo Flaherty al GF (Foto: web) Lorenzo Flaherty al GF (Foto: web)

Lorenzo Flaherty a processo dopo un incidente stradale avvenuto nel 2022: secondo la Procura “correva troppo” e avrebbe travolto un motociclista provocandogli ferite “guaribili in 60 giorni”. Lo riporta Il Corriere della Sera, secondo cui all’attore sarebbe contestato il reato di lesioni stradali in merito a un sinistro avvenuto il 10 ottobre di 2 anni fa in piazza Ponte Sant’Angelo, a Roma.

In sella alla stessa moto coinvolta nell’impatto, come passeggera, ci sarebbe stata Vanessa Ferrero, figlia del produttore cinematografico ed ex presidente della Sampdoria Massimo Ferrero noto anche come “Viperetta“. Secondo quanto ricostruisce il quotidiano,  non avrebbe riportato ferite. L’attore, volto noto di serie televisive come Distretto di polizia ed ex concorrente di Ballando con le Stelle e Grande Fratello Vip, si sarebbe sempre difeso sostenendo di non aver causato l’incidente.

Lorenzo Flaherty: l’attore a processo dopo un incidente, le parole dell’avvocato

Secondo l’accusa, l’attore procedeva ad una velocità troppo elevata in un tratto in cui il traffico era intenso e avrebbe potuto evitare los contro con la moto se avesse proceduto più piano. Questa, stando a quanto riporta il quotidiano, la ricostruzione del pm in merito alla dinamica dell’incidente stradale che avrebbe visto coinvolto Lorenzo Flaherty e un motociclista a Roma il 10 ottobre 2022. L’attore sarebbe ora chiamato a processo per rispondere di lesioni stradali.

Quel giorno, sempre secondo la Procura, Lorenzo Flaherty era alla guida della sua Smart e avrebbe tamponato il ciclomotore con due persone in sella. Il guidatore avrebbe riportato ferite guaribili in 60 giorni. L’attore si sarebbe fermato e avrebbe prestato soccorso alle due persone che viaggiavano sul due ruote e si sarebbe sempre difeso sostenendo di non essere responsabile dell’incidente. Il suo avvocato, Antonio Petrongolo, ha dichiarato quanto segue, come riporta ancora Il Corriere della Sera: “Che il mio cliente non sia colpevole, lo dimostra il fatto che il guidatore del Piaggio non si è costituito parte civile“.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Roma

Ultime notizie