LUCA ARGENTERO/ “Spero proprio di essere un bravo padre come lo è stato il mio”

- Morgan K. Barraco

Luca Argentero, diventare papà ai tempi del coronavirus. L’attore ospite di “Che tempo che fa” in attesa di una figlia da Cristina Marino.

Luca Argentero
Luca Argentero (Instagram, 2019)

Luca Argentero sta facendo il pieno di emozioni, anche se tutto il mondo sta vivendo un momento più che difficile a causa dell’emergenza sanitaria. L’attore è ritornato infatti sul piccolo schermo con la fiction Doc – Nelle tue mani e sta ottenendo l’applauso del pubblico, ma è quanto avvenuto nella sua vita privata a renderlo felice. “A maggio diventerò finalmente papà“, ha detto poco tempo fa al settimanale DipiuTV. “L’emergenza Coronavirus ci ha costretto a vivere queste ultime settimane di gravidanza con estrema prudenza, tappati in casa”, ha aggiunto parlando della compagna Cristina Marino, “non vedo l’ora di vedere la mia bambina e di tenerla in braccio. Spero proprio di essere un bravo padre come lo è stato il mio”. Oggi, domenica 12 aprile 2020, Luca Argentero sarà inoltre uno degli ospiti che interverrà nella puntata di Che tempo che fa. Parlerà di sicuro del suo personaggio, di cui ha condiviso un retroscena negli scorsi giorni, pubblicando due foto sul set. “Questo Doc ha un papà, un padre putativo che lo ha curato in ogni singolo dettaglio, che lo ha accompagnato passo dopo passo fino a farlo diventare quello che è”, scrive su Instagram, “manine su per Jean Maria Michelini (aka Singarella): gli americani lo definiscono ‘showrunner’, io ‘il papà di Doc'”. Clicca qui per leggere il post di Luca Argentero.

LA PASSIONE PER LE MOTO

Luca Argentero ha una grande passione e non parliamo della recitazione, per quanto sia considerato ancora oggi uno degli attori più in vista dell’Italia. L’artista infatti ama le moto, anche se si ritiene un pessimo guidatore. Intervistato da Moto.it per la rubrica Fuori Pisto, Argentero ammette di essere distratto e aver rischiato il ritiro della patente più volte in passato. “Ho risolto all’alba dei quarant’anni sia con macchina che con moto con un regalo stupendo”, confessa, “che è questo sidecar bellissimo e con una Jeep […] mezzi con cui si va piano, si va a passeggio e ci si gode la passeggiata, non sono cose per andare troppo veloci o comunque con una certa protezione attorno”. La sua passione è nata da ragazzino e un regalo fatto dai genitori: un Aprilia cross. “Mio papà, che ha avuto moto per tutta la vita, non ha potuto impedirmi il famoso primo motorino“, ha continuato, “come compromesso mi ha regalato un cinquantino da strada, una versione 50 strozzatissima della versione da strada”. Argentero non vive invece la stessa passione per le auto, che considera solo uno strumento per fare tutto ciò che con la moto non può realizzare. La popolarità ottenuta grazie al suo debutto come attore non lo ha spinto però a ‘volersi fare il macchinone‘. Merito della laurea conseguita in Economia e Commercio e della decisione di Argentero di non spendere grosse cifre per un mezzo. Anzi, negli ultimi anni ha deciso di sostenere il noleggio a lungo termine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA