LUCA BARBARESCHI/ “Da piccolo sono stato violentato da un prete” (La Confessione)

- Dario D'Angelo

Luca Barbareschi ospite a La Confessione di Peter Gomez sul Nove racconta di essere stato violentato da un prete quando era bambino: “Il senso di colpa…”

luca_barbareschi_wikipedia
Luca Barbareschi (Wikipedia)

Ho subito violenze da un sacerdote quando ero bambino“: è con queste parole che Luca Barbareschi, ospite di Peter Gomez a “La Confessione” su Nove, svela di essere stato violentato da un prete. Un racconto amaro e doloroso quello affidato dall’attore e regista al direttore de ilfattoquotidiano.it in un’intervista che andrà in onda questa sera alle 22:45. Autore di quegli abusi sessuali subiti quando era minorenne, racconta Barbareschi, fu un religioso, suo insegnante di un istituto cattolico privato di Milano: “In quegli anni ero solo, con delle voragini emotive e non potevo che attirare le attenzioni di chi ha delle malattie. E la pedofilia è una malattia terribile“. Un momento molto forte da rivivere per Luca Barbareschi, che non a caso è apparso visibilmente provato durante quel passaggio dell’intervista.

LUCA BARBARESCHI: “DA BAMBINO SONO STATO VIOLENTATO DA UN PRETE”

Dopo le parole pronunciate da Luca Barbareschi rispetto alle violenze subite da bambino ad opera di un prete, il conduttore de “La Confessione”, Peter Gomez, ha deciso di approfondire la vicenda chiedendo al direttore del Teatro Eliseo di Roma quale fosse la sua condizione all’epoca degli abusi e quali ripercussioni abbia avuto sulla sua vita negli anni a venire questa vicenda. Luca Barbareschi anche in questo caso ha risposto con estrema sincerità alla domanda del giornalista: “Non ricordo di essermi ribellato. Infatti questa è la cosa peggiore della pedofilia perché – conclude l’artista – chi ne è vittima si sente in colpa, pensa di essere stato lui stesso a creare quella situazione”. Una dichiarazione importante da parte di Barbareschi: ne seguiranno altre nel corso de “La Confessione” con Peter Gomez sul Nove?



© RIPRODUZIONE RISERVATA