Luciano Violante/ “Giudici accecati da hybris, non decidano la politica giudiziaria”

- Carmine Massimo Balsamo

L’ex magistrato Luciano Violante sulla riforma Cartabia: “Un buon inizio. Passi avanti sulla decisione della pena delle toghe”

Luciano Violante
Luciano Violante (LaPresse)

Luciano Violante a 360° ai microfoni de Il Giornale. L’ex magistrato e accademico, nonché presidente della Camera dal 1996 al 2001, ha parlato di politica e giustizia mettendo nel mirino parte della magistratura. A suo avviso, infatti, i giudici si sono “allargati” e basti pensare alla trattativa Stato-mafia: «È sacrosanto punire i colpevoli, se tali sono, non pretendere di riscrivere la storia. Il magistrato punisce chi ha sbagliato, non ha altri compiti».

Secondo Luciano Violante una minoranza di giudici è stata accecata da una sorta di hybris, minoranze che grazie all’intreccio con la comunicazione creano una opinione: «Prima c’era la percezione si trattasse di un mondo di eroi, oggi prevale la diffidenza. E dobbiamo fare di tutto per superare questa immagine negativa perché la magistratura è fondamentale per il buon funzionamento di una democrazia».

LUCIANO VIOLANTE: “RIFORMA CARTABIA UN BUON INIZIO”

Luciano Violante ha commentato positivamente la riforma della giustizia firmata Marta Cartabia, definita «un buon inizio», citando alcune innovazioni interessanti come la scelta di dare al giudice che emette la sentenza il potere di determinare la pena in concreto. Passi in avanti anche sulla prescrizione, ha evidenziato, con l’improcedibilità soluzione necessaria per mediare tra le diverse posizioni. Tra gli snodi più importanti da affrontare però c’è il capitolo Csm: «I funzionari sono magistrati e sono stati fatalmente chiamati perché legati a questa o quella corrente. Questa liaison deve finire: i funzionari devono essere professionisti selezionati con concorso pubblico, come i funzionari parlamentari. La Disciplinare? È bene che rimanga dov’è per il primo grado. E solo in quello. In appello? Dobbiamo creare un’Alta corte».



© RIPRODUZIONE RISERVATA