Luis Muriel all’Atalanta, ufficiale/ Video, indosserà la maglia numero 9: le cifre

Luis Muriel-Atalanta, ufficiale l’accordo con il Siviglia: il colombiano arriva a titolo definitivo, ecco le sue prime parole da nerazzurro

muriel atalanta
Video Spal Atalanta, Serie A 1^ giornata (Foto LaPresse)

La notizia era nell’aria da diversi giorni, pochi minuti fa è giunta l’ufficialità: Luis Muriel è un nuovo calciatore dell’Atalanta. Reduce dall’esperienza in prestito alla Fiorentina, l’attaccante colombiano è il primo rinforzo per Gian Piero Gasperini: accordo raggiunto con il Siviglia per il trasferimento a titolo definitivo, 15 milioni di parte fissa più 5,5 milioni di bonus. Ex Udinese e Lecce, il ventottenne vestirà la maglia numero 9 ed è pronto per vivere una nuova esperienza: contratto di cinque anni. 6 gol in 19 presenze negli ultimi sei mesi trascorsi con la casacca della Viola, ora gli toccherà trascinare la Dea in Champions League: un compito non semplice ma che lo spingerà a dare il meglio, così da compiere il definitivo (e atteso) salto di qualità.

MURIEL ALL’ATALANTA, LE PRIME PAROLE DA NERAZZURRO

Intervistato da canale ufficiale della Dea, il talento colombiano ha rilasciato le prime dichiarazioni da nuovo calciatore dell’Atalanta: «Come si sta? Bene, bene: sono molto contento, l’entusiasmo che mi avete messo è stato importantissimo. E’ stato molto bello sentirsi desiderato, è una sensazione unica: ho solo voglia di iniziare e di dimostrare». Prosegue Luis Muriel, parlando della grande amicizia con il connazionale Duvan Zapata: «E’ innamorato della città e della società, mi ha detto solo cose belle: è stato lì a convincermi quasi, ma è bastato poco. Ho sentito l’entusiasmo da parte del presidente e del mister, è stato molto importante. Gol dedicato in Nazionale? Duvan lo conosco da tantissimi anni, abbiamo fatto anche il Mondiale Under 20 insieme: siamo insieme da tanti anni, in attacco ci siamo sempre scambiati posizioni. E’ un vero amico, adesso averlo anche in squadra sarà molto importante per me. Insieme possiamo fare molto bene».



© RIPRODUZIONE RISERVATA