Marco Armani/ Video, “La musica è diventata usa e getta” (Ora o mai più)

- Emanuele Ambrosio

Marco Armani concorrente di Ora o mai più su Raiuno. Dal successo di “Tu dimmi un cuore ce l’hai” alla depressione: “la fede mi ha salvato”

marco_armani
Marco Armani

Marco Armani è pronto a tornare in gara nella nuova puntata di “Ora o mai più“, il talent show musicale di successo trasmesso in replica la domenica pomeriggio su Raiuno. Tra i concorrenti della prima fortunata edizione c’è anche il cantante di “Tu dimmi un cuore ce l’hai” alla ricerca di una seconda possibilità con la guida attenta di Red Canzian dei Pooh. Ogni concorrente del programma, infatti, può contare sul supporto ed aiuto di un coach-maestro che accompagna i cantanti nel percorso. A Marco Armani è stato affidato Red Canzian a cui è legato da un profondo rapporto di amicizia e stima come ha raccontato dalle pagine di zerkalospettacolo: “è come rivedere un vecchio amico dopo tanto tempo. Il nostro rapporto di amicizia dura da 40 anni, da quando andavo col mio primo gruppettino sotto l’hotel dei Pooh per avere i loro autografi. Red ha prodotto il mio primo disco “Le cose che vanno lontano”, che conteneva anche “Tu dimmi un cuore ce l’hai”. Non lo sento come un coach, pur se ne ha tutte le caratteristiche. Certo, lui col tempo è rimasto in auge, io purtroppo no”. Un rapporto davvero speciale che sta giovando al cantautore che durante la seconda puntata (in replica) ha conquistato l’attenzione dei coach con una splendida rivisitazione di “Yes I know my way” del grandissimo Pino Daniele. La performance canora, infatti, ha convinto tutti i giudici, a cominciare da Loredana Bertè che gli ha dato un bel 9.

Marco Armani: “Ora o mai più? Avrei preferito cantare le mie canzoni”

La partecipazione di Marco Armani alla prima edizione di “Ora o mai più” è stata indubbiamente legata al suo coach Red Canzian, il compositore e polistrumentista che tutti associano ai Pooh. Il cantante non nasconde che il supporto di Red è stato importantissimo nella sua esperienza televisiva dicendo: “mi ha dato consigli soprattutto tecnici. Io sono estemporaneo di natura e non amo fare sempre le stesse cose. Ma Red è stato molto rigido su questo aspetto e così ho rispettato la sua scelta”. Il cantautore però non nasconde una critica alla gestione del talent show condotto da Amadeus, un’esperienza che se da un lato gli è piaciuta tantissimo per farsi conoscere dal grande pubblico dall’altro poteva essere fatta meglio. “Noi concorrenti siamo stati lontani dai riflettori per tutto questo tempo. Aspettavo l’occasione giusta per fare un disco e questo show me ne ha dato la possibilità” – ha precisato Armani che ha poco dopo precisato – “se dovessi fare una critica, avrei preferito che ci dessero più possibilità di cantare le nostre canzoni, non limitandoci solo a una manciata di secondi nella prima e nell’ultima puntata. Forse hanno paura che il nuovo possa nuocere il vecchio”. Dopo il grande successo di “Tu dimmi un cuore ce l’hai” portato in gara a Sanremo, Marco Armani è finito nell’oblio. Un momento non facile che il cantautore ha raccontato così: “il buio totale, inviavo le mie biografie, ma senza successo. Ero in depressione, non lo nego. Cosa mi ha aiutato? La fede”. Sul finale poi parlando della musica di oggi ha sottolineato: “è difficile avere una propria personalità e il talento è un dono della natura e se non ce l’hai non vai molto lontano. Purtroppo è anche vero che la musica è diventata usa e getta. Noi eravamo decisamente più supportarti, avevamo sette anni di autonomia e potevamo vivere di rendita grazie alle nostre hit del passato. Oggi si scrive musica solo per le radio e non più per il pubblico”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA