Maria Cristina Mazzavillani, moglie Riccardo Muti/ Con lei ha avuto tre figli

- Rossella Pastore

Maria Cristina Mazzavillani è la moglie di Riccardo Muti. Insieme hanno avuto i tre figli Chiara, Francesco e Domenico, anche loro genitori.

Riccardo Muti moglie LaPresse 640x300
Riccardo Muti e la moglie Cristina (LaPresse)

Riccardo Muti, direttore d’orchestra tra i più famosi nel mondo, è sposato dal 1969 con Maria Cristina Mazzavillani, presidente e anima del Ravenna Festival, manifestazione annuale di musica, spettacolo e cultura attesa per tutto l’anno dai cittadini di Ravenna e dintorni. Anche Maria Cristina, dunque, si occupa di musica, seppure in maniera diversa rispetto a suo marito Riccardo. Nel 2000 le è stato assegnato il prestigioso riconoscimento del Jerusalem Foundation Award e nel 2005 l’onorificenza di Grand’Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana. Si è ritirata dalle scene dopo circa 30 anni alla guida del Festival, lasciando l’organizzazione ai suoi fidi collaboratori. Non solo, dunque, Maria Cristina è la moglie di uno dei più grandi direttori d’orchestra al mondo, ma è anche riuscita a intraprendere una carriera a sé stante che le ha regalato negli anni numerose soddisfazioni.

Maria Cristina Mazzavillani e gli altri componenti della famiglia Muti

Maria Cristina Mazzavillani e Riccardo Muti hanno avuto tre figli: Chiara, nata nel 1973, Francesco, nel 1971, e Domenico, il più giovane, così chiamato in onore del nonno paterno. Chiara li ha resi nonni nel 2011 sposando David Fray, pianista francese, dal quale ha avuto la piccola Gilda. Francesco è un architetto sposato con Susanna Baldassarri, madre di Riccardo, il secondo nipotino di Muti nato nel 2007. Completano la famiglia alcuni (molti) animali, che Riccardo Muti elenca in una sua intervista del 28 giugno al Corriere: “Il cane Cooper, un maltese. In campagna abbiamo colombe, conigli, galline, galli, e due asini sardi, Gaetano e Lampo: intelligentissimi. Si affezionano, ti guardano interrogativi con i loro occhi rosa… E noi diamo del cane e dell’asino come se fossero insulti”. Sempre al Corriere, Muti ha dichiarato di non temere la morte; almeno non in sé. Solo gli dispiacerà lasciare gli affetti, il che la dice lunga sul suo legame con loro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA