Maria Laura De Vitis e l’anoressia/ “Momenti terribili, ho pensato a gesto estremo”

- Jacopo D'Antuono

Maria Laura De Vitis racconta il calvario dell’anoressia: “Non volevo vedere più nessuno, vissuto momenti terribili e ho pensato a gesto estremo”

Paolo Brosio e Maria Laura De Vitis 640x300
Paolo Brosio e Maria Laura De Vitis (Foto: web)

Maria Laura de Vitis: “Persi venti chili a causa dell’anoressia, poi…”

Maria Laura De Vitis adesso è felice. E’ finalmente uscita da un brutto tunnel in cui era caduta e dal quale temeva di non poter più uscire: l‘anoressia. In una intervista rilasciata a Novella 2000 la showgirl ed ex concorrente de La Pupa e Il Secchione, ha raccontato il suo periodo terribile, gli alti e bassi di una vita che l’ha messa a dura prova. “Adesso vivo la mia seconda vita”, le parole sollevate della vincitrice della Pupa e il Secchione show, che ha deciso di condividere col pubblico un momento molto difficile e di forte depressione che l’aveva portata a perdere venti chili. “Ti accorgi di quanto sia importante la vita e quanto sia importante superare i problemi. Dal 2019 ho sofferto di disturbi alimentari in seguito a un periodo di forte depressione. In quel periodo ero dimagrita di 20 kg a causa dell’anoressia. E’ stato terribile”.

Maria Laura de Vitis: “Anoressia? Non volevo vedere più nessuno”

Maria Laura De Vitis ha descritto la sua battaglia come una vera e propria guerra. “Non volevo vedere nessuno, nemmeno i miei amici. Mi ero chiusa in me stessa. Come se la vita mi stesse sfuggendo di mano. Addirittura, e questo è anche difficile da raccontare, stavo arrivando a commettere un gesto estremo”. La giovane non si spiega come quel pensiero così estremo possa averla sfiorata, ma sostiene che probabilmente era dettato da una insoddisfazione generale. “Mi sentivo irrealizzata. Mia madre? Mi è sempre stata vicina perché ha notato fin dall’inizio che qualcosa non stava andando nel verso giusto”, ha spiegato Maria Laura de Vitis, oggi decisamente più serena e consapevole di se stessa.







© RIPRODUZIONE RISERVATA