Mascherine: abusivo a Milano le vende in metro/ A Torino in vendita fino a 5000 euro

- Davide Giancristofaro Alberti

Mascherine: abusivo a Milano le vende in metro, la foto fa il giro del web. A Roma fermato un ambulante, a Torino, prezzi fino a 5000 euro

mascherine abusivo 2020
Abusivo a Milano vende mascherine (web)

La psicosi da coronavirus ha innestato una corsa insensata alle mascherine. La conseguenza, è che anche i venditori abusivi si sono messi a vendere materiale di protezione sanitario, contro ogni regolamento. L’ultimo caso ci giunge dalla linea verde della metropolitana di Milano, dove appunto un ambulante ha deciso di allestire un tavolo di fortuna, disponendo poi sullo stesso alcune mascherine. La foto ha fatto il giro del web in breve tempo (la potete trovare qui sopra), ed è stata poi pubblicata anche dai colleghi del TgCom24.it. Lo scatto incriminato riguarda di preciso la stazione Garibaldi, ed ovviamente ha scatenato la reazione dei social con commenti esilaranti, come ad esempio questo utente che ha scritto: “Le mascherine sono già aperte perché i milanesi vanno di fretta”. Non mancano venditori ambulanti anche a Roma, dove un abusivo è stato sanzionato nelle scorse ore. Si tratta di un cittadino originario del Bangladesh di anni 49, fermato dai carabinieri del comando di Roma piazza Venezia.

MASCHERINE, IL CASO DELL’ABUSIVO A MILANO NON E’ L’UNICO

I militari l’hanno poi portato in caserma e gli sono state sequestrate ben 159 mascherine che lo stesso venditore aveva nello zaino. L’uomo è stato successivamente sanzionato con una multa da ben 5mila euro per aver violato il Regolamento di Polizia Urbana; inoltre, lo stesso è stato sottoposto all’ordine di allontanamento per le prossime 48 ore. Sempre rimanendo in tema mascherine, le forze dell’ordine hanno voluto fare luce su alcuni venditori che hanno fatto schizzare alle stelle i prezzi del materiale protettivo, addirittura fino a 5000 euro, approfittando appunto dell’emergenza coronavirus. Il blitz è avvenuto da parte dei finanzieri del comando provinciale torinese, che hanno sequestrato in tutta Italia numerosi prodotti nei confronti di almeno una ventina di soggetti. Il paradosso è che le mascherine sono andate un po’ a ruba ovunque nonostante gli organi competenti continuino a ripetere che non servono a chi è sano, ma solo a chi è malato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA