MICK SCHUMACHER CAMPIONE DEL MONDO FORMULA 2/ Prima volta per il figlio d’arte

- Mauro Mantegazza

Mick Schumacher campione del Mondo Formula 2: al tedesco basta il diciottesimo posto per festeggiare il titolo che vince davanti a Callum Ilott, il figlio d’arte entra così nella storia.

Mick Schumacher
Mick Schumacher in un test con la Ferrari (Foto LaPresse)

MICK SCHUMACHER CAMPIONE DEL MONDO FORMULA 2

Mick Schumacher è campione del mondo della Formula 2! Il campioncino tedesco, figlio di Michael Schumacher, sale dunque sul tetto del mondo, facendo suo il titolo iridato solo l’ultima gara del mondiale 2020 per la cadetteria. Per Mick, impegnato in una sfavillante e intensissima sprint race, conclusasi solo pochi minuti fa, basta la 18^ posizione finale alla bandiera a scacchi (e pure il giro più veloce che dà bonus nel punteggio) per fare suo il titolo mondiale. Un piazzamento ben lontano dal podio, ma che pure è risultato sufficiente per mettere in scacco i primi rivali al titolo mondiale, e che pure è risultato di una gara condotta con grande intelligenza e lungimiranza da parte del team Prema e dallo stesso Mick Schumacher. Pur nella difficoltò di gestire le gomme, Mick

L’ATTESA PER MICK SCHUMACHER

Schumacher è infatti riuscito con freddezza a gestire l’intera gara: non come invece fatto dal primo rivale al titolo Callum Ilott, che invece dopo una prima parte di gara 2 tutta fuoco e fiamme, è stato costretto a battere in ritirata negli ultimi 5 giri, per mancanza di gomme. E alla bandiera scacchi, la fortuna ha premiato lo stesso Mick Schumacher, diventato dunque campione del mondo e leader della classifica della formula 2 con ben 215 punti e un vantaggio di 14 lunghezze su Ilott. E’ dunque eccezionale festa nel box della Prema e per tutti i fan di Mick Schumacher, che pure l’anno prossimo farà il salto di qualità, approdano alla Formula 1 come pilota ufficiale della Haas (al fianco di Mazepin).

L’ATTESA PER MICK SCHUMACHER

In attesa di scoprire se Mick Schumacher diventerà campione del Mondo di Formula 2 già oggi, può essere interessante ripercorrere la stagione del figlio d’arte in questo campionato, la più importante categoria cadetta della Formula 1. Mick Schumacher corre per la scuderia italiana Prema Racing e fa parte della Ferrari Driving Academy, dunque i legami con l’Italia e con il Cavallino Rampante sono fortissimo – e non a caso passerà in Formula 1 con la Haas, scuderia motorizzata Ferrari. In questo anomalo 2020 nel quale pure la Formula 2 è cominciata solamente a luglio, Mick Schumacher non ebbbe un inizio brillante nelle due gare in Austria: undicesimo e settimo nelle due corse del primo weekend, quarto e ritirato in quello successivo. Due terzi posti a Budapest furono il primo segnale di crescita, poi a Silverstone ecco un primo weekend negativo (nono e quattordicesimo) seguito da uno molto migliore, con un settimo e un secondo posto. Bene a Barcellona con un sesto e un terzo posto, benissimo a Spa dove fece terzo e secondo, l’apoteosi per Mick Schumacher fu la vittoria in gara-1 a Monza, seguita il girono dopo dal terzo posto. Quinto e quarto nelle due gare al Mugello, Mick Schumacher ha vinto gara-1 a Sochi, dove ha ottenuto anche il terzo posto, mentre settimana scorsa in Bahrain è stato quarto e settimo. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

MICK SCHUMACHER CAMPIONE DEL MONDO FORMULA 2 SE…

Mick Schumacher campione del Mondo di Formula 2 sarebbe un epilogo certamente affascinante per questa stagione della categoria cadetta dell’automobilismo sportivo, classica “anticamera” per i talenti prima dell’approdo in Formula 1, dove infatti Mick Schumacher sarà in ogni caso protagonista nella prossima stagione al volante di una Haas-Ferrari, come è stato ufficializzato nei giorni scorso. Arrivarci da campione del Mondo della Formula 2 tuttavia avrebbe un sapore speciale per questo ragazzo che già da tanti anni è abituato ad avere gli occhi di tutti i tifosi ed appassionati puntati addosso, in quanto figlio di Michael Schumacher – tanto che da ragazzino correva nei kart usando il cognome da nubile di mamma Corinna. Un titolo mondiale in casa Schumacher nell’anno in cui Lewis Hamilton ha raggiunto papà Schumi a quota sette Mondiali in Formula 1 darebbe un tocco ancora più particolare a questo incredibile 2020, dunque sicuramente sono in tanti a chiedersi che cosa dovrà succedere affinché Mick Schumacher diventi campione del Mondo in questo Gran Premio di Sakhir, che per la Formula 2 sarà l’ultimo atto del calendario.

MICK SCHUMACHER CAMPIONE DEL MONDO FORMULA 2? LE COMBINAZIONI PER IL TITOLO

Dunque per chiudere la stagione della Formula 2 e decretare chi sarà campione del Mondo tra Mick Schumacher e il suo inseguitore, il britannico Callum Ilott, restano gara-1 di oggi e gara-2 di domani per il Gran Premio di Sakhir, in Bahrain. Oggi ci sono in palio un massimo di 27 punti, considerati anche i due che vanno assegnati all’autore del giro più veloce in gara oltre a quelli assegnati per i piazzamenti come in Formula 1 (25 per la vittoria, 18 per il secondo, 15 per il terzo e così via fino a un punto per il decimo), mentre gara-2 della domenica è più breve e assegna punteggi ridotti (15-12-10-8-6-4-2-1 per i primi otto al traguardo, più due per il giro veloce), con un massimo di 17 punti in palio. Questo significa che Mick Schumacher sarà campione del Mondo già oggi se chiuderà gara-1 con un vantaggio di 18 punti su Ilott – dato che il britannico vanta una vittoria in più e dunque un eventuale arrivo a pari punti dovrebbe favorirlo. Si parte da 14 punti di vantaggio per Schumacher jr, quindi Mick ne dovrà guadagnare altri quattro: le combinazioni possono essere rese più complicate dal giro più veloce, possiamo dire con certezza che se Mick Schumacher vince sarà campione, perché in questo caso guadagnerebbe come minimo cinque punti ad Ilott anche se il britannico arrivasse secondo con giro veloce. Non contando questa variabile, Schumacher dovrebbe arrivare due posizioni davanti ad Ilott: secondo e quarto, terzo e quinto, quarto e sesto, quinto e settimo, sesto e ottavo, settimo e nono; con Schumi ottavo, Ilott fuori dai punti. Un +2 di Mick renderebbe più facile il compito, un +2 di Ilott richiederebbe tre posti di differenza nei piazzamenti di rincalzo. Il principio comunque è chiaro: per fare festa, Mick Schumacher dovrà guadagnare quattro punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA