Milano, clochard trovato morto in strada/ 47enne deceduto per il freddo?

- Carmine Massimo Balsamo

Milano, clochard morto tra via Colletta e viale Umbria: il 47enne di nazionalità straniera sarebbe scomparso per cause naturali.

suora accoltellata genova
Immagine di repertorio (LaPresse)

Dramma a Milano: oggi, lunedì 13 gennaio 2020, è stato trovato morto un clochard all’angolo tra via Colletta e viale Umbria, nei pressi di un supermercato. Come riportano i colleghi di Milano Today, la vittima è W. N., 47enne di origine straniera: a fare la tragica scoperta un passante, che ha allertato immediatamente i sanitari del 118. Purtroppo per l’uomo non c’è stato niente da fare: i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Le forze dell’ordine hanno effettuato i rilievi del caso ma tutto lascia pensare ad un morte per cause naturali: gli agenti di Polizia non hanno riscontrato segni evidenti di violenza sul corpo del clochard ed il freddo potrebbe aver giocato un ruolo importante per il decesso dell’uomo, che viveva da tempo per strada.

MILANO, CLOCHARD MORTO IN STRADA: DRAMMA IN VIA COLLETTA

Attesi aggiornamenti nel corso delle prossime ore sulle cause della morte del clochard 47enne, molto probabilmente verrà disposto l’esame autoptico per chiarire cosa si cela dietro l’improvviso decesso del senzatetto. L’ultima di una lunga serie di morti: come evidenzia Milano Today, a inizio dicembre è stato rinvenuto senza vita un altro senzatetto; un disabile romeno era stato trovato morto sulla sua carrozzina con addosso solo un piumone. Una piaga da contrastare, considerando il clima gelido di queste settimane, come ricordato già recentemente dal sindaco meneghino Beppe Sala: «Abbiamo tanti posti letto liberi nei centri dell’emergenza freddo, chiedo ai cittadini di invitare queste persone che dormono per strada ad andarci. Non possiamo obbligarli, certo, ho chiesto alla mia squadra di intensificare il dialogo con i senza fissa dimora, ma la speranza è che magari il singolo cittadino riesca a convincerli».



© RIPRODUZIONE RISERVATA