CORTEO STUDENTI/ Manifestazione, traffico in tilt e fumogeni in centro a Milano (video)

- La Redazione

Traffico in tilt, fumogeni contro le banche e la Siae, scritte sui muri: è la manifestazione studentesca di oggi, la prima dell’anno, contro il govenro e le banche

corteo_studenti_R439
foto: Infophoto

La manifestazione studentesca programmata oggi a Milano come quasi sempre in questi casi sta facendo registrare problemi. Il traffico è andato immediatamente in tilt nel centro del capoluogo lombardo, mentre si sono rischiati momenti di tensione quando alcuni partecipanti al corteo hanno lanciato dei fumogeni contro la sede della Siae (sono state lasciate scritte del tipo «Fuck copyright» e «Libri gratis»). Volantini sono stati attaccati sui vetri di una banca lungo il percorso del corteo, così come scritte sono state tracciate sui muri. Le forze dell’ordine seguono e controllano tutto il corteo, anche con un elicottero che si trova sopra il centro di Milano. La manifestazione è partita da Largo Cairoli e attraversa tutto il centro cittadino provocando disagi ai mezzi pubblici e al traffico automobilistico. E’ la prima manifestazione di questo anno scolastico e è stata proclamata contro l’attività del governo, in particolare quella del ministro Profumo. Titolo del corteo è infatti “No ddl Profumo, fuori banche e aziende dalle scuole, saperi per tutti, privilegi per nessuno”. Si protesta contro la presunta attività dei privati nella scuola pubblica. I partecipanti non sono moltissimi, circa cinquecento: promotore della protesta il coordinamento dei collettivi studenteschi. Tra gli slogan lanciati in piazza, anche attacchi al ministro Fornero in particolare sulle sue dichiarazioni secondo le quali per trovare lavoro è necessario essere laureati. Il corteo dopo la partenza si è diviso in due tronconi: la parte più numerosa guidata dal centro sociale Cantiere e ha attraversato Foro Bonaparte passando da Piazza della Scala. Nel secondo troncone presenti anche dei sindacalisti e la Rete studenti. La manifestazione comunque non smebrava aver provocato altri problemi particolari, non si registravano incidenti con le forze dell’ordine anche per il limitato numero di partecipanti. Negli ultimi minuti invece si registrano incidenti davanti alla sede della Regione Lombardia dove la polizia è dovuta intervenire: si registrano scontri e incidenti. Molti studenti con caschi in testa hanno lanciato sassi e poi hanno cercato di raggiungere Palazzo Lombardia per fare irruzione ma sono stati respinti dalla polizia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori