VIAGGIO NEL 5X1000/ Domus Dei, il significato dell’accoglienza in un momento di grande bisogno

- La Redazione

Oggi l’Associazione Case per l’Accoglienza “Domus Dei” è stata riconosciuta nell’albo del volontariato della Regione Lombardia; vi fanno parte oltre 350 soci ed accoglie circa 300 persone

logo_domus_dei_r439
L'Associazione Case per l'Accoglienza Domus Dei

Nome dell’Opera:  ASSOCIAZIONE CASE PER L’ACCOGLIENZA “Domus Dei”

Zona di intervento: Milano, Legnano, Bresso, Segrate

1) Come nasce l’opera?

Nel 1992 l’esperienza di bisogno vissuta da una famiglia nell’assistenza ad un proprio congiunto malato lontano da casa, si concretizza nella disponibilità ad accogliere, in un appartamento di Milano, i familiari di una persona malata provenienti da un’altra città, costretti a rimanere lontani dalla propria casa per assisterlo. Nel 1993 dieci amici costituiscono l’Associazione Case per l’Accoglienza “Domus Dei” con lo scopo di accogliere i malati e loro familiari costretti, dalla necessità di assistenza e cura, ad allontanarsi dalla propria casa, con l’iniziale disponibilità di tre appartamenti.

2) Che cosa fa oggi?

Oggi l’Associazione è stata riconosciuta nell’albo del volontariato della Regione Lombardia; vi fanno parte oltre 350 soci ed accoglie, nei nove appartamenti disponibili in Milano e nei tre siti nel suo hinterland, circa 300 persone per un totale di 4200 giornate di presenza annue.

3) Come userà il denaro che arriverà dalla donazione del 5×1000?

Per affitti, spese condominiali, la manutenzione dei locali, ma anche luce, gas, telefono, spese bancarie e postali, parcheggi, abbonamenti e assicurazioni. 

Codice Fiscale: 97124020153

Sito www.domusdeionlus.it



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori