Misure economiche per Coronavirus/ Gualtieri: indennizzi, flessibilità, finanziamenti

- Niccolò Magnani

Misure economiche per contrastare il Coronavirus: Gualtieri “pronti flessibilità Ue, indennizzi e finanziamenti”. I provvedimenti (prossimi) del Governo

Gualtieri
Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri (LaPresse, 2020)

Ieri sera il primo step passato indenne, tra oggi e domani il Decreto Coronavirus arriva al Senato per poi essere approvato in seduta stante: restano però tante le misure da improntare e poi adottare per combattere l’emergenza sociale, economica e commerciale “esplosa” dopo la diffusione dell’epidemia cinese. Per questo motivo il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri questa mattina sia a Radio24 che al Messaggero svela le primissime misure volte a migliorare e sostenere l’economia colpita di Lombardia e Veneto che da sola vale circa il 45% di tutto il Pil italiano. «L’Italia è pronta a usare gli spazi di flessibilità concessi dalle regole europee in caso di eventi eccezionali come il coronavirus» è il primo e forse più importante annuncio fatto dal titolare del Tesoro a Radio24, dopo aver triangolato nei giorni scorsi con il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e il Commissario Europeo all’Economia, Paolo Gentiloni (tutti e tre del Partito Democratico). Tra i conti in difficoltà del 2019, il rischio recessione e ora la possibile stangate del Coronavirus in termini di turismo, produzione e “psicosi” dentro e fuori i nostri confini, le risposte che dovrà dare il Governo sono attese e importanti. Arriveranno altri due decreti, spiega Gualtieri: «primo decreto già questa settimana, e il secondo la settimana prossima». Nel primo ci sarà il sostegno necessario «alle imprese, ai lavoratori, ai professionisti della zona rossa, nel secondo le misure per tutti i settori direttamente colpiti al di fuori dei territori».

GUALCIREI, LE MISURE ECONOMICHE CONTRO IL CORONAVIRUS

In termini di cifre, Gualtieri annuncia al Messaggero che verranno stanziati 50 milioni aggiuntivi al fondo di garanzia e 350 per il sostegno alle esportazioni «e introdurremo misure significative di sostegno e ai territori, alle aziende e ai lavoratori coinvolti». Sul fronte esterno alla zona rossa del Lodigiano e del Padovano, sarà il turismo l’ambito dove concentrare diversi sforzi: «ci saranno misure di carattere generale come per altri settori. Inoltre ci sarà un’estensione e un finanziamento della Cassa integrazione molto significativo. Infine stiamo lavorando a strumenti più generali di rilancio dell’economia per accelerare gli investimenti delle imprese in infrastrutture». Se da un lato Gualtieri invita a non farsi prendere dall’allarmismo anti-Coronavirus, dall’altro lo stesso Ministro dell’Economia ammette che servono interventi decisi e impegnativi per far fronte all’emergenza «congelamento, già attuato, del versamento delle tasse nella zona rossa per un mese, potrà ulteriormente essere prorogato». Si parla poi di sospensione dei contributi previdenziali, dei versamenti per la rottamazione delle cartelle, ma non solo: «rinvio degli adempimenti fiscali anche per i clienti dei professionisti che sono nella zona rossa». Flessibilità, indennizzi e finanziamenti: il progetto è ambizioso, vedremo dai prossimi Decreti cosa già sarà stato implementato di tutti questi importanti “sforzi” tesi a farci uscire dalla palude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA