SCOTT WEILAND/ Stone Temple Pilots, morto a 48 anni sul bus il cantante del gruppo grunge. Il video di Interstate Love Song

- La Redazione

E’ morto probabilmente per overdose all’età di 48 anni l’ex cantante degli Stone Temple Pilots, Scott Weiland. E’ stato ritrovato sul tour bus che lo portava a un concerto

scott_weiland_R439
Scott Weiland

Poche ore fa è stata diramata la notizia della tragica ed inaspettata morte di una icona del mondo del rock qual’era Scott Weiland. Il corpo del cantante americano è stato ritrovato privo di vita ieri sera intorno alle ore 21 all’interno del bus con cui stava facendo un tour in America accompagnato dalla band dei The Wildabouts. In passato è stato il leader dei Stone Temple Pilots, scrivendo pagine indelebili del mondo della musica come il pezzo Interstate Love Song del quale vi vogliamo riproporre il video ufficiale. Clicca qui per vedere il video.

Tragica notizia dal mondo del rock: è stato trovato morto sul tour bus con cui stava girando l’America per concerti l’ex cantante di uno dei gruppi storici della scena grunge degli anni novanta, Scott Weiland. Il corpo senza vita del cantante è stato scoperto mentre il bus si avvicinava alla città di Minneapolis nel Minnesota, aveva 48 anni. Le cause al momento non sono ancora sconosciute, si teme una overdose di sostanze stupefacenti. Scott Weiland aveva formato gli Stone Temple Pilots alla fine degli anni 80 e il gruppo aveva esordito nel 1992 con l’album Core e insieme a Nirvana, Alice in Chains, Soundgarden e Pearl Jam guidava la musica emergente di quel periodo storico, il grunge. Il gruppo si scioglie nel 2003 e Scot Weiland insieme all’ex Guns n’ Roses Slash, Duff Mckagan e altri forma i Velvet Revolver da cui esce nel 2008. In quello stesso anno si riformano gli Stone Temple Pilots che due anni dopo pubblicano il nuovo disco intitolato semplicemente con il nome del gruppo ma nel 2013 viene cacciato. Adesso si esibiva con i Scott Weiland & The Wildabouts.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori