SANREMO 2013/ Video, Antonio Maggio è il vincitore della categoria Giovani. A Renzo Rubino il premio della critica

- La Redazione

E’ Antonio Maggio il vincitore della categoria Giovani. A Renzo Rubino il premio della critica e a Il Cile il premio per il testo migliore. Ecco il resoconto della sfida finale

Antonio_Maggio_RossoR439
Foto: InfoPhoto

Sanremo 2013, Antonio Maggio vincitore della categoria Giovani (video) – La sfida a quattro nella categoria Giovani si è conclusa con la vittoria di Antonio Maggio che in molti davano favorito. In finale erano giunti Antonio Maggio, i Blastema, Ilaria Porceddu e Renzo Rubino, decisamente i migliori tra gli otto giovani che erano approdati alla fase finale del festival. La critica aveva dimostrato di apprezzare particolarmente Renzo Rubino grazie anche al suo testo delicatamente pro gay, e infatti si è aggiudicato proprio il prestigioso premio della critica. Nel corso della serata è stato consegnato anche il premio al miglior testo della categoria giovani, che è andato a Il Cile con la sua Se mi mancano le parole, brano che era stato eliminato in semifinale. Dunque Antonio Maggio già vincitore cinque anni fa a X Factor con la sua band del tempo, corona anche la vittoria al festival di Sanremo seppure nella categoria dei giovani. Mi servirebbe sapere è un brano perfettamente radiofonico che otterrà sicuramente un grande passaggio nelle radio e potrà lanciare un ennesimo talento dei talent show al successo. Peccato per Ilaria Porceddu, validissima cantante (anche lei ex X Factor) che non ha ottenuto la vittoria. Una bella gara quest’anno tra giovani tutti molto validi, anche quelli eliminati nelal priam fase, che dimostra come la canzone giovane è più viva che mai: buone canzoni e ottime interpretazioni vocali da parte di quais tutti. Renzo Rubino come detto porta a casa un premio comunque prestigioso quello della critica musicale. Nulla invece per i Blastema, gruppo pop rock influenzato da band internazionali come Muse e Radiohead. E adesso si va alla finalissima dei Big. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori