No Green Pass assaltano pronto soccorso a Roma/ 4 feriti, intervenuta la Polizia

- Chiara Ferrara

Una trentina di No Green Pass assaltano il pronto soccorso del Policlinico Umberto I di Roma: feriti due agenti di Polizia e due operatori sanitari

assalto no green pass pronto soccorso
Coronavirus, ospedale Roma (LaPresse, 2020)

Un gruppo composto da una trentina di No Green Pass nella notte ha compiuto un assalto al pronto soccorso del Policlinico Umberto I di Roma, dove si trovava ricoverato uno dei partecipanti al corteo di ieri pomeriggio a Piazza del Popolo, il quale è sottoposto a stato di fermo. I manifestanti, in base a quanto riporta l’ANSA, hanno sfondato la porta dell’istituto sanitario, si sono introdotti al suo interno e hanno devastato diverse zone, causando non pochi danni.

La Polizia è stata costretta a intervenire per placare la rivolta. Due agenti delle forze dell’ordine e due membri del personale sanitario sono rimasti feriti. La situazione si è tranquillizzata soltanto dopo un paio d’ore. Alessio D’Amato, assessore regionale alla Sanità del Lazio, si è prontamente recato sul luogo per esprimere la propria solidarietà alle persone rimaste coinvolte. “La normalità è tornata dopo alcune ore con l’intervento delle forze di polizia. Si tratta di un episodio gravissimo, bisogna fermare il clima d’odio e l’escalation di violenza. Non è tollerabile che vengano aggrediti medici e infermieri”, ha detto.

No Green Pass assaltano pronto soccorso a Roma: notevoli disagi

Le proteste dei No Green Pass a Roma continuano: dopo il corteo non autorizzato a Piazza del Popolo, culminato con l’assalto alla Cgil (i cui danni sono stati mostrati nelle foto pubblicate da Collettiva.it) e numerosi scontri con la Polizia, i manifestanti hanno invaso questa notte il pronto soccorso del Policlinico Umberto I. Un ennesimo atto di violenza che desta particolare preoccupazione.

Il timore, infatti, è che la situazione possa ulteriormente peggiorare nei prossimi giorni. Venerdì 15 ottobre, infatti, entrerà ufficialmente in vigore il decreto che impone l’obbligo del certificato verde per i dipendenti pubblici e privati. Oltre a Roma, anche in altre città d’Italia – da Milano a Torino – si sono registrati disagi. Le forze dell’ordine sono all’opera per arrestare i principali artefici degli atti di violenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA