NORD STREAM 2/ E i venti di guerra che possono costar caro all’Europa

- Paolo Annoni

L’Europa rischia di rimanere spiazzata da quanto sta accadendo a livello geopolitico, in particolare per la fornitura di gas dalla Russia

borrell
Josep Borrell, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri (LaPresse)

Secondo un’esclusiva pubblicata ieri sul Wall Street Journal, l’Amministrazione Biden starebbe esaminando la questione del Nord Stream 2 e in particolare vorrebbe introdurre sanzioni contro le società attive nella costruzione del gasdotto. Due senatori, uno democratico e uno repubblicano, hanno “spiegato” che l’arrivo di questa infrastruttura in un Paese Nato mette a repentaglio tutti i membri dell’alleanza è che la costruzione del gasdotto non apre buone prospettive per la partnership tra Germania e Stati Uniti. Gli ultimi rumour e le ultime dichiarazioni si inseriscono perfettamente in una narrazione che dura da anni, eppure lo scenario attuale è molto diverso da quello di qualche mese fa sia per gli effetti del Covid sull’economia globale, sia perché dopo l’ultima visita di Borrell, il “ministro degli esteri” dell’Ue, in Russia è apparso evidente che i toni diplomatici della seconda si siano molto irrigiditi. Prima di cercare di capire come sia cambiato lo scenario è necessaria una premessa.

Settimana scorsa e per diversi giorni il 75% dell’energia elettrica prodotta in Germania, che ha speso cifre colossali in energie rinnovabili, è arrivata da fonti fossili. L’ondata di gelo e la neve hanno azzerato sia la produzione solare che quella eolica. La Germania ha tirato avanti bruciando gas, carbone e lignite con un’intensità di risorse fossili molto alta. Qualsiasi cosa si pensi del futuro delle rinnovabili emerge un dato abbastanza certo: nel breve e nel medio periodo non sono in grado di sostituire le fonti tradizionali neanche volendo sobbarcarsi costi folli per gli incentivi. Per garantire la luce, il riscaldamento e il funzionamento delle imprese le fonti fossili sono essenziali altrimenti è tutto il sistema industriale che oltre a patire i costi rischia di collassare. L’unica fonte pulita che non ha tradito, per inciso, è il nucleare, ma questo è un altro discorso.

Che la situazione sia questa è confermato dal fatto che la determinazione ad andare avanti con il Nord Stream 2 contro gli americani e qualche alleato europeo è ferrea nonostante siamo alla vigilia di un piano di investimento europeo nelle rinnovabili ingente. I tedeschi sanno che per quanto si possa investire nei prossimi anni la situazione di dipendenza dalle fonti tradizionali non cambierà in un orizzonte temporale di medio termine.

Lo scenario, dicevamo, è cambiato e il cambiamento si è reso evidente dopo la missione di Borrell in Russia. Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha dichiarato che “la Russia è pronta a tagliare i legami con l’Unione europea”. In uno scenario “normale” la costruzione del Nord Stream 2 consentiva a entrambe le parti, la Germania e l’Unione europea e la Russia, di beneficiare “economicamente” dell’infrastruttura, ma in uno scenario in cui le relazioni si deteriorano e vengono imposte sanzioni dure i termini rischiano di mutare. Le forniture di gas stabili e a prezzo controllato sono vitali per la Germania e l’Unione europea, mentre quello che possono offrire Germania e Ue non è vitale per la Russia. In sostanza se le relazioni economiche vengono tagliate e la Russia diversifica le forniture, con grandi difficoltà e costi ovviamente, quello che rimane è la dipendenza del Vecchio continente e una “flessibilità” della Russia su prezzi e quantità di gas vendute molto più ampia. 

In un mondo “normale” fatto di leader consapevoli e attaccati alla realtà, parliamo in questo caso di quelli europei, si dovrebbe percepire il rischio, per poi passare all’azione, che si stiano affacciando possibilità che fino a due anni fa erano impensabili e che non lo sono per una controparte, magari rozza, ma molto più realista. In altri termini, ciò che preoccupa davvero è che i leader europei non riescano a pensare fuori dagli schemi di una situazione geopolitica, stabile e di pace, che ha fatto la fortuna della Germania e in un certo senso dell’Unione negli ultimi trenta anni, ma che oggi è sempre più fragile e a rischio. Nel frattempo ricompaiono sullo scenario internazionale sfide per cui l’Europa non solo non è pronta, ma che sembra non voler nemmeno prendere in considerazione con l’unica strategia di voler chiudere gli occhi e tenere la testa sotto la sabbia. 

—- —- —- —-

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA