Orietta Berti contro il reddito di cittadinanza/ “Soldi per guardare la tv e…”

- Dario D'Angelo

Orietta Berti contro il reddito di cittadinanza. La cantante contro i furbetti: “Draghi promette maggiori controlli, ma c’è gente che se n’è approfittata”.

orietta berti domenica in 640x300
Orietta Berti, Domenica In

Orietta Berti si scaglia contro il reddito di cittadinanza. La cantante, nel corso di una lunga intervista rilasciata al settimanale “Intimità”, ha espresso il forte convincimento che la misura bandiera del MoVimento 5 Stelle rappresenti in realtà uno dei grandi problemi della società italiana unitamente al lavoro che manca. La nuova coach di The Voice Senior a espresso preoccupazione per l’alto tasso di disoccupazione fra i giovani, sostenendo che il reddito di cittadinanza non rappresenta certo una adeguata soluzione al problema. A questo riguardo Orietta Berti è arrivata a rivolgere un appello al presidente del Consiglio, Mario Draghi, a riprova della sua contrarietà rispetto a questa misura di assistenza: “Adesso Draghi promette che ci saranno maggiori controlli, ma c’è gente che se n’è approfittata“.

Orietta Berti contro il reddito di cittadinanza

Orietta Berti ha proseguito nel suo ragionamento affermando: “Dovevano indagare prima invece sono stati dati soldi a gente che non ne aveva bisogno“. Poi l’unica ricetta che a detta della cantante sarebbe utile perseguire: “La verità è che dobbiamo tirarci su le maniche e lavorare“. L’usignolo di Cavriago ha ribadito la sua bocciatura nei confronti del reddito di cittadinanza senza usare mezzi termini: “Il lavoro ci fa sentire più forti, più onesti, ci dà dignità. Io non prenderei mai dei soldi per stare seduta su una poltrona a guardare la televisione dalla mattina alla sera. Ma che roba è questa? Un problemone di sicuro“. Dritta al nocciolo della questione, ma forse con un tantino di diplomazia in meno rispetto alla Orietta Berti che siamo abituati a conoscere: la sua avversità nei confronti del reddito di cittadinanza è palese. Ed è certo che farà discutere…



© RIPRODUZIONE RISERVATA